The Peawees: Leave It Behind

Condivi sui social network:

The Peawees

Leave It Behind

(Cd, Railways Recordings)

vintage rock, r n’ b, soul, rockabilly, garage rock

________________

The Peawees- Leave It BehindIl nuovo capolavoro dei Peawees, Leave It Behind, ci trascina indietro nel tempo, va oltre il punk rock e riesce a trovare un piacevole compromesso tra sonorità in perfetto stile anni ‘50 – ’60, soul, r n’ b e rock’n’ roll delle origini. Il risultato è una musica travolgente e intrigante da ascoltare a tutto volume.

Con Leave It Behind la band di La Spezia si lascia definitivamente alle spalle il sound punk che li ha fatti conoscere in tutto il mondo. Dalle 11 tracce contenute nel disco si distinguono toni che fanno ricordare la musica dei Beatles, degli Eagles e perfino il beat rockabilly di Elvis Presley e Jerry Lee Lewis.

The Peawees iniziano il disco con il brano Food for my Soul, caratterizzato da una serie di stacchi musicali ed un ritmo veloce; con Gonna Tell il ritmo è leggermente più lento introducendo suoni più melodiosi; Memories are gone aggiunge il suono dell’armonica e ritornelli stile vintage; Don’t knock at my door richiama gli arrangiamenti semplici del garage rock; in Diggin’ the sound ritroviamo l’anima rock’n’roll di Bruce Springsteen degli anni ’80; Good boy mama affascina con cori femminili e straordinari assolo di chitarra; Danger fa ricordare il rock psichedelico del primo Roky Erickson; in Need a reason le chitarre distorte e la voce roca di Hervé mettono in luce il bellissimo sound di un rock purissimo; Leave it behind, brano che dà anche il titolo all’intero album, è la dimostrazione della loro sincera passione per i sounds del passato; The place ha un ritmo squillante e note di piano alla Jerry Lee Lewis; infine Count me out chiude il disco con una carrellata di armonie doo-wop anni ’50.

Leave It Behind è uno degli album più belli prodotti nel 2011 da una band italiana e The Peawees, con un sound più maturo e raffinato, arrangiamenti più ricercati e con una forte impronta rock vintage, sono riusciti a suonare questi brani con grande classe e autentica passione.

Gli ultimi articoli di Sonia Mengoni

Condivi sui social network:
, , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.