Sestomarelli: la recensione di Fra l’Amore e il Rumore

Condivi sui social network:

Sestomarelli

Fra l’amore e il rumore

(Junkfish Records)

folk, country

 

________________

 

Fra_lamore_e_il_rumore_recensione_sestomarelliProvate a immaginare di avere in mano un bicchiere e di mescolare al suo interno i seguenti ingredienti: il folk alla Woody Guthrie, il country alla Garth Brooks, un pizzico di Chieftains e Goran Brekovic, alla fine avremo i Sestomarelli e il loro nuovo album Fra l’amore e il rumore.

Devo essere sincero, quando mi sono avvicinato a questo gruppo ero un po’ scettico perché da milanese per me Sesto Marelli non è altro che una fermata della linea rossa della metropolitana, ma poi quando ho ascoltato l’album, mi sono dovuto ricredere e a oggi posso affermare con certezza che i Sestomarelli sono una delle realtà più interessanti nel panorama indie italiano.

Il gruppo in realtà non è una novità assoluta nella discografia italiana, risale al 2013 il loro primo album e a questo sono seguiti altri quattro lavori che si sono distinti sempre per una costante ricerca di originalità.

Il nuovo album Fra l’amore e il rumore, rispetto ai lavori precedenti, evoca atmosfere più vicine al rock pop e il primo singolo estratto (Urgente) ne è la prova. Un brano che pare essere autobiografico, un brano dove l’urgenza e l’impossibilità di perder tempo sono elementi fondamentali della vita di un musicista. Anche l’essere fedeli ad una linea, coerenti con il proprio vissuto e il non tradire chi, fino ad ora, ci ha seguito sono temi presenti nei restanti brani, come ad esempio nei brani Un padre disse al figlio e Se Voli che forse sono le canzoni più simili ai lavori precedenti della band.

Si trovano, qua e là, riferimenti culturali e tributi a scrittori e band che fanno parte del background della band. Ne sono un esempio Piombo su Milano ispirata alla saga del giornalista detective Gabriele Sarfatti nato dalla penna dello scrittore ligure Gianluca Ferraris.

I Ragazzi di Villa Inferno non è altro che la versione italiana di Boys from the County Hell degli irlandesi Pogues (forse il gruppo di maggiore influenza dei Sestomarelli).

Miss Christina s’ispira allo scrittore rumeno Mircea Eliade e infine l’album si chiude con Ballata Nuziale che si rifà a Bridal Ballad di Edgar Allan Poe.

In sostanza questo disco, rispetto ai precedenti album, è frutto di un lavoro più corale e più collaborativo, dove tutti i membri della band hanno partecipato alla stesura, agli arrangiamenti e alla produzione. Uno sforzo che si sente e che viene premiato dall’ottimo risultato e che fa prevedere per la band un futuro roseo e magari un po’ più lontani dalla scena indie.

Gli ultimi articoli di Michele Larotonda

Condivi sui social network:
, ,

About Michele Larotonda

Michele Larotonda nasce a Potenza nel 1977, ma vive e lavora a Milano. Scopre la sua passione per la scrittura durante i dieci anni trascorsi a suonare in una band in cui ricopre il ruolo di cantante e autore dei testi. Decisivo poi l’incontro con l’associazione culturale Magnolia Italia, grazie alla quale frequenta corsi di scrittura creativa e si avvicina al cinema scrivendo e realizzando cortometraggi che hanno avuto visibilità in alcune rassegne specializzate. Scrive sulla rivista letteraria Inkroci, occupandosi di recensioni musicali, e sul blog letterario Sul Romanzo, dove recensisce libri. Ha pubblicato i libri “Sai Cosa Voglio Dire?” e “Il fascino discreto della Basilicata”. “Il Sognoscuro” è il suo primo romanzo.
View all posts by Michele Larotonda →