Robertone / C.T.D Crew: Antimateria

La chiave di lettura di Antimateria, l'esordio di Robertone e la sua crew, arriva alla fine, con la struggente, Dio Denaro, brano che ci ricorda come attraverso il rap si possa fare anche vera e propria poesia, piena di rabbia ma Poesia vera

Robertone / C.T.D Crew

Antimateria

(CD, Autoproduzione)

hip-hop

________________

[youtube id=a_pmkGycb38)” width=”620″ height=”360″]

Dalla Sardegna a Roma, andata e ritorno. E’ il tragitto, umano e musicale, di Roberto Arzu, aka Robertone, e della sua crew C.T.D., acronimo di Contratto a Tempo Determinato, ma anche citidì, sta zitto in dialetto sardo.

Dall’Ogliastra a Roma per incontrare e collaborare con la crew OcchiViola e per realizzare le dieci tracce di Antimateria.

L’impianto hip-hop di Robertone e soci è piuttosto convenzionale, tra basi che “spaccano” e infezioni reggae piacevoli e mai troppo invasive. L’elettronica usata è semplice e curata, ma – come da tradizione di questo genere – l’accento e il piatto forte sono i testi.

Quelle raccontate in Antimateria sono storie di disoccupazione, di ordinaria disperazione di chi viene da una terra troppo spesso bistrattata e dimenticata; ma anche storie che riguarda i falsi miti, di giovani e meno giovani condannati senza appello a una situazione di perenne precarietà.

L’hip-hop di Robertone e soci cerca anche strade diverse, alternando rappate di maniera a tentativi (timidi ma efficaci) di spostare in avanti un genere altrimenti legato mani e piedi a codici stretti come legacci.

La chiave di lettura di Antimateria, album che si fa ascoltare con piacere anche dai non adepti al culto dell’hip-hop, arriva alla fine, con il campionamento cinematografico di Skit e la lunga, struggente, Dio Denaro, brano che ci ricorda come attraverso il rap si possa fare anche vera e propria poesia, piena di rabbia ma Poesia vera.

 

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
Default image
Massimo Garofalo
Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
Articles: 639
Available for Amazon Prime