Porco Rosso: Living Dead

Porco Rosso

Living Dead

(New Model Label)

synthpunk

_______________

 

Porco Rosso: Living DeadPorco Rosso sono Michele Ricoveri (parole, voce e partiture elettroniche) e Giovanni Soldi (organo, elettronico synth sono, come si amano definire, un collettivo artistico animale formato da due persone e, proprio loro due hanno dato vita a Living Dead, un EP composto da dieci tracce di un concept album che raccolgono i dieci passi necessari per la deumanizzazione che ci porterà da esseri umani a mutare, in una metamorfosi un po’ Kafkiana, a zombie.

Le tracce sono otto perché la prima e l’ultima sono una overture e una outro in perfetto stile synth punk, in cui la personalità dei duo collettivo si percepisce sin da subito. Profondo Nero è il singolo estratto, nel quale si può già comprendere l’intensità dell’album. Ammetto che nelle atmosfere è un po’ dark, ma considerando il titolo del brano ci sta perfettamente tutto.

Il resto delle tracce sono abbastanza elettriche, ma non è quell’elettronico che ti fa storcere il naso, paradossalmente questi due, in due, hanno creato qualcosa di interessante che, ti porta a continuare l’ascolto dei vari passetti per la deumanizzazione di cui vi parlavo prima, i testi non sono, a mio avviso cosi orrifici come li definiscono loro, o meglio non danno quella sensazione di orrido che dovrebbero o avrebbero dovuto trasmettere.

Non ci vuole molto a comprendere che il tutto vada a puntare il dito contro contro chi ha portato gli esseri umani ad essere deumanizzati e più zombie, forse pure un po’ pecore che vanno dietro la banderuola di turno.

Certo loro ne La marcia dei maiali danno una metafora più colorita a quei potenti che detengono la nomea di capitalisti, mafiosi, arroganti e maledetti. Imbroglioni e mangiatori. A tratti in questo brano ho intravisto un qualcosa di Caparezza, ma senza quella sua capacità di velare nei suoi testi determinati argomenti.

 

 

Gli ultimi articoli di Iolanda Pompilio

Condivi sui social network:
,