Mudhoney: Vanishing Point

Condivi sui social network:

Mudhoney

Vanishing Point

(Cd, Sub Pop Records)

alternative rock, garage rock

_______________

Mudhoney- Vanishing PointNuovo capitolo per i Mudhoney, storica band della prima ondata di grunge. Un suono che ha creato i presupposti per la base di un genere insieme ai Dinosaurs Jr, con i quali condividono la passione per riff iperdistorti (si ricordi l’incendiaria Touch Me I’m Sick) e il canto rabbioso, anche al limite della stonatura.

I Mudhoney sono una delle pochissime band grunge sopravvissute a 24 anni di cambiamenti musicali. Tuttavia in questo nono album le cose sono ovviamente diverse rispetto agli esordi. Il suono è meno brutale e la voce del leader Mark Arm mostra qualche segno di stanchezza, nonostante una manciata di pezzi al livello degli esordi come intensità.

Slipping Away è la opening track dell’album Vanishing Point: rullo di tamburi e parte subito il riff distorto, sorretto dal basso preciso di Dan Peters. Un buon biglietto da visita per il disco.

L’accoppiata ChardonnayThe Final Course è all’altezza degli esordi. La prima è memore della lezione garage degli Stooges; la seconda si sviluppa sulle atmosfere decadenti dei Black Sabbath. In This Rubber Tomb si muove tra synth interstellari e fragorosi wah-wah, mentre The Only Son Of The Widow From Nain è il prototipo della canzone grunge: breve e rabbiosa. Chiude l’album Douchebags On Parade, aperta da un blues psichedelico hendrixiano (con toni più rilassati) che si alterna a sfuriate garage-blues.

Peccato che oltre alle sopracitate canzoni ne figurano altre che sono dei meri riempitivi, come I Don’t Remember You, Sing This Song Of Joy, e soprattutto I Like It Small, copie sbiadite di brani dei Primal Scream: forse non è neanche un caso che il titolo dell’album è esattamente uguale a quello della band di Bobby Gillespie del 1997.

Vanishing Point corregge le asperità grunge in favore di un alternative rock troppe volte innocuo. Sono pochi i brani nei quali i Mudhoney vanno oltre il compitino. Il resto è vistosamente superfluo.

Sito ufficiale

Gli ultimi articoli di Alessio Morrone

Condivi sui social network:
, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.