Estetica Noir: Purity

Estetica Noir

Purity

(Red Cat Records)

new wave – rock

________________

 

Estetica Noir recensione PurityNew wave, gothic rock ed elettronica: così si presenta Purity, il primo album dei torinesi Estetica Noir.

Gli Estetica Noir nascono nel 2013 e per mano del compositore, cantante e chitarrista Silvio Oreste e dell’arrangiatore e bassista Riccardo Guido, iniziano un progetto new wave – rock.

Nel 2014 gli Estetica Noir pubblicano un Ep omonimo ma a differenza di questo, le undici tracce di Purity sono tutte in lingua inglese e anche le sonorità sono molto più definite e si vanno ad inserire in un contesto anni ’80 rivisitato in chiave moderna.

Il genere proposto dai quattro ragazzi torinesi infatti, è una new wave moderna, con forti influenze della musica elettronica nella ritmica e un rock più duro, dato dalle chitarre pungenti. Ricordano vagamente i Nine Inch Nails ed i Killing Joke, anche se per arrivare ai quei livelli, la strada è ancora lunga e tortuosa…

L’abbandono al minimalismo del genere e l’eccessiva ricerca di una miscela di sottogeneri, ne fanno un prodotto discreto e forzato ma non per questo non originale.

I testi delle undici canzoni ripercorrono la vita quotidiana dell’uomo comune, con l’indignazione e l’impotenza dinnanzi al degrado sociale, l’abuso dei social network, i dubbi sull’esistenza di una religione e sulla meritocrazia nella società moderna.

Temi forti non tanto come questo album che a forza di sperimentazioni e mix di generi, si presenta più come un miscuglio che non convince del tutto e che si perde d’animo. Sì perché la verve e la vivacità che ci mettono gli Estetica Noir nelle loro esibizioni dal vivo si smarriscono in questo disco che aveva tutte le premesse per essere un buon lavoro.

 

Gli ultimi articoli di Laura Cirilli

Condivi sui social network:
, , ,