Dorom Dazed: Shameless

Condivi sui social network:

Dorom Dazed

Shameless

rock alternative, grunge

_______________

recensione Dorom Dazed- ShamelessRabbia, paura, ossessione e sofferenza interiore: si potrebbe descrivere così Shameless, l’Ep di esordio dei Dorom Dazed.

Il duo sardo nasce nel 2015 da un’idea di Tiziano Più (ex Morod), frontman della band che inizialmente si esibiva come solista ma durante la registrazione dell’Ep stesso, sono subentrati il bassista Giovanni Serra (Terrorway, Silverblade) e Alessandro Castellano (Acts of Tragedy) che hanno partecipato solamente come collaboratori. Successivamente all’uscita del disco si è aggiunto il chitarrista Federico Diana.

Shameless è stato registrato presso il V Cagliari Studio con Villy Cocco al mixaggio e Matteo Spiga al mastering, con la collaborazione di Paolo Mulas e Mario Inghes.

Quattro canzoni, tutte molto introspettive, tutte molto grunge e tutte molto Shameless appunto, senza vergogna. Tiziano Più ha scritto e curato i testi mettendosi a nudo dinnanzi all’ascoltatore che viene trascinato nell’alternative rock anni ’90, grazie anche al pathos ed alla voce graffiante del cantante stesso.

Una voce che ricorda molto Kurt Cobain e i Nirvana i quali vengono omaggiati con il primo singolo in uscita, I Promise, che riporta gli arpeggi di Lithium.

Le altre tracce trattano temi forti quali la lotta interiore tra bene e male, tra giusto e sbagliato e tra felicità ed infelicità e fanno vivere all’ascoltatore una sensazione di buio interiore e una realtà sporca e sudicia, nello stile di Seattle.

Con Shameless, i Dorom Dazed sono partiti con il piede giusto per iniziare una rivoluzione musicale che chissà se porterà le sonorità grunge anche in Italia…

Facebook: https://www.facebook.com/doromdazed/

YouTube: https://www.youtube.com/channel UCMo3m9zCMPDf2hjaFeTCteQ

 

Gli ultimi articoli di Laura Cirilli

Condivi sui social network:
, , ,