Diastema: Via Lontano

L'Accademia di Sanremo sforna i Diastema, quintetto salernitano perfettamente in linea con la tradizione della canzone italiana

Diastema

Via Lontano

(Cd, Vuesse Capital Recording)

pop

____________________


Diastema: Via lontanoCome ogni anno, inevitabilmente in questo periodo, il pensiero corre al Festival della Canzone Italiana di Sanremo e alla diatriba sull’esigenza reale di una tale kermesse. Al di là delle polemiche legate a questa che ormai è più che altro una tradizione, per molti il palco dell’Ariston continua a rappresentare  un trampolino di lancio.

Questa volta, però, il richiamo al Festival è più che mai azzeccato. I Diastema sono un gruppo salernitano che ha mosso i primi passi in seno all’Accademia di Sanremo, dove negli anni si è imposto con alcuni pezzi che sarebbero poi entrati a far parte dell’album di esordio, Via lontano. Sicuramente un buon biglietto da visita, che ha offerto loro rapida visibilità e la possibilità di collaborare con altri artisti nascenti (tra cui proprio la vincitrice di Sanremo Giovani 2005 Laura Bono, che duetta con loro in Ogni istante), ma anche un’etichetta difficile da staccarsi di dosso.

L’impronta sanremese è infatti tangibile in ogni brano, sia nei testi che nella musica. Brani come Ora lo sai e Scusami sono esattamente quelli che ti aspetteresti di sentire disannunciare da Pippo Baudo durante la serata giovani. Il timbro vocale riconducibile al Nek degli esordi e armonie tipicamente anni ’90 sono la ciliegina su una torta ben confezionata, che però come tutti i prodotti industriali rischia di sapere di poco. Le canzoni sono preda di quel cliché di cui ormai sembra essere improntato il mainstream nazionale (genere Laura Pausini/Biagio Antonacci, per intenderci). Nell’album manca quel coraggio che porterebbe la band a imporsi sulla scena con una maggiore identità.

Un tentativo di apertura è riscontrabile in brani come Ti aspetterò, ma soprattutto Dentro, dove il sax suonato da Andrea Innesto (collaboratore di Vasco Rossi) permea le atmosfere di maggior spessore. Un album d’esordio però è sempre un abbozzo di quello che sarà il futuro di un’artista: i Diastema hanno tutto il tempo di crescere e ampliare i loro orizzonti, arricchendo così il loro sound.

Gli ultimi articoli di Simona Fusetta

Condivi sui social network:
Default image
Simona Fusetta
Articles: 303
Available for Amazon Prime