Pendulum: recensione concerto Roma, Atlantico Live, 28 settembre 2010

Drum'n'bass che piace ai metallari. Così dice la stampa inglese. Non so se sia vero, ma di sicuro la band australiana ha fatto esplodere la platea di Roma

Pendulum

Roma, Atlantico Live, 28 settembre 2010

live report

________________

pendulum-liveTutti o quasi i romani (e qualche decina di inglesi) amanti della drum’n’bass stasera sono all’Atlantico Live, discretamente pieno. L’appuntamento, di quelli ghiotti, è con gli australiani Pendulum, reduci da un’estate in cui hanno incendiato le folle dei festival di tutto il mondo, Italia esclusa, ovviamente. Stanno ancora portando in giro il loro pirotecnico show fatto di grandi successi e delle canzoni del loro recente Immersion.

A scaldare gli animi ci pensano gli albanesi South Central, una coppia tastiera-macchine che ha proposto una specie di dj-set con remix in diretta sia di pezzi loro sia di altri. La loro performance è parecchio paracula, ma divertente quanto basta. Mischiano con sapienza Daft Punk e Nirvana, Toxic Avenger e Bloody Beatroots, Chemical Brothers e Prodigy.

Per avere sul palco i Pendulum bisognerà attendere le 23.15, quando l’aria del palazzetto è praticamente già irrespirabile per il caldo e i miasmi da esso prodotti. Nulla a confronto di quello che scateneranno i Pendulum, trasformando il caldo in bollore puro e la platea in una sorta di felice girone dantesco.

Dopo l’intro di rito le danze si aprono con Salt in the Wounds, ed è subito bolgia. Ma è anche subito chiaro che l’acustica dell’Atlantico tenterà in tutti i modi, in parte riuscendovi, di trasformare in marmellata l’orgia di ultrabassi, tastiere acide, basso ipnotico e chitarra grattuggiata dei Pendulum. Ci rimette soprattutto il chitarrista, il cui suono spesso non arrivava proprio in platea.

Avevamo detto della paraculaggine dei South Central, ma anche i Pendulum non scherzano! Su Granite si divertono a citare i Black Eyes Peace e come quinto pezzo in scaletta propongono la loro versione ipertrofica di Vodoo People dei Prodigy, scatenando il delirio (canzone che citeranno anche nella conclusiva Blood Sugar, giusto prima dei bis).

Energia da vendere, grandissimo frontman, pezzi sufficientemente cafoni ma anche con molte felici intuizioni, una eccessiva ripetitività della parte ritmica (nota dolente di tutto il filone drum’n’bass, eccessivamente codificato) e addirittura molte aperture alt-rock-metal alla Linkin Park, che d’altro canto i Pendulum avevano già in passato coverizzato.

Il bilancio della serata è comunque più che positivo, con un tasso di divertimento altissimo e la conferma di (quasi) tutto il bene che la stampa estera racconta dei Pendulum.

La tracklist del concerto:

Intro

Salt in the Wounds

Granite

The Vulture

Showdown

Voodo People

Witchcraft

Fastem Your Seatbelts

Slam

Midnight Runner

The Island Pt1

The Island Pt2

Tarantula

Propane Nightmares

Blood Sugar

—————-

Crush

Watercolour

Outro

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
Massimo Garofalo
Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock.
Parola d'ordine: curiosità.
Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)

Articoli: 736