Max Forleo: la recensione di Alice a Febbraio

Condivi sui social network:

Max Forleo

Alice a Febbraio

(M2F s.r.l.)

canzone d’autore

________________

 

max-forleoMax Forleo ci presenta un album di grande discrezione ed equilibrio; un interessante ascolto pomeridiano e autunnale.

Alice a Febbraio combina delicatezza e malinconia all’interno delle sette canzoni che lo compongono, muovendosi negli immaginari e tra le melodie tipiche della musica italiana.

Dopo un inizio decisamente indovinato rappresentato dai due brani migliori dell’opera, 16 Anni e Gran Torino (la quale mette in mostra anche lontani accenni funk), le composizioni si assestano su immaginari canonici e abituali, come dimostrano The Greatest Showman (episodio pubblicato come singolo con tanto di videoclip), A Mani Vuote e la poco ispirata title-track, Alice a Febbraio.

La breve durata del disco si rivela una decisione azzeccata, giocando da antidoto alla possibile ridondanza ed evitando di diluire il progetto salvandone l’immediatezza e l’essenzialità.

Dal punto di vista lirico, si tratta di un lavoro introspettivo e sensibile che pone uno sguardo dall’interno sulle emozioni e sui sentimenti (specialmente in una canzone come Ore) correlando il tutto con le giuste immagini di vita e una serie di sfumature pastello, mentre sul fronte vocale si rifà ampiamente alla cultura pop nostrana ricordando a tratti le stesure di artisti come Ermal Meta, Stadio e quelle della canzone d’autore di matrice sanremese.

La pecca principale del progetto sta nel sapore di “sentito e risentito” che inevitabilmente lo pervade, rischiando di farlo sparire tra le tantissime uscite musicali che condividono con questo ispirazioni, scelte e messaggi e che, quindi, ne inficia non poco la personalità e il carisma, oltre che ridurre l’effetto stupore verso la novità.

In ultima analisi, possiamo sottolineare come Alice a Febbraio sia un album omogeneo e uniforme dove nessun elemento prevarica sugli altri ma, anzi, dove Max Forleo riesce a far convivere l’insieme musicale in pace e armonia, a cui manca però la giusta dose di incisività per farsi ricordare nel tempo.

Sito ufficiale: www.maxforleo.it 

Gli ultimi articoli di Alberto Maccagno

Condivi sui social network:
,