Mahogany Frog: Do5

Condivi sui social network:

Mahogany Frog

Do5

(Cd, Moonjune Records, 2008)

progressive rock, post-rock

_______________
Quando il prog tenta di superare se stesso – in un certo senso – allora diventa comprensibile parlarne ancor oggi: purtroppo, però, ciò che spesso si ascolta non è nient’altro che “band fotocopia”, in cui la libertà creativa cede il posto all’esecuzione sciatta di motivi sentiti e risentiti troppe volte. Non è questo il caso dei Mahogany Frog, fortunatamente, band canadese che con Do5 giunge al quinto album pubblicato.

In effetti colpisce moltissimo la ricerca sonora condotta dal gruppo, il quale ci mostra palesemente la volontà di oltrepassare quei confini troppo ben definiti che caratterizzano il progressive in ogni suo ambito: si possono avvertire influenze post-rock, psichedeliche, come anche noise ed elettroniche, tutte sempre ben costruite all’interno di strutture classiche, siano queste sullo stile di band come i Soft Machine – per quanto riguarda Canterbury -, che dei Tortoise e Stereolab – prendendo in considerazione esempi più recenti.

Basta ascoltare T-tigers et toaster, in cui il prog, il post-rock e il noise trovano spazio pari merito, in compagnia dell’ambient e di sonorità più acid e dilatate. Oppure l’epica di Last stand at fisher farm , brano che unisce trombe a motivi in perfetto stile Morricone. In Lady Xok et shield Jaguar, invece, avviene un’elegante sintesi fra chitarra jazz e scie di feedback a metà strada fra lo shoegaze e la neo-psichedelia.

Certo, forse l’unica pecca è la pomposità nell’uso delle tastiere o negli arrangiamenti relativi a certi passaggi più scontatamente fedeli al passato, ma in generale la sperimentazione e il coraggio offrono maggiori possibilità a Do5, che ad ogni modo resta esemplare come tentativo di forzare le barriere di genere più consolidate, aprendo nuovi orizzonti all’unione di stili apparentemente troppo distanti fra di loro.



Gli ultimi articoli di Angelo Damiano Delliponti

Condivi sui social network:
, ,

About Angelo Damiano Delliponti

RECENSORE EROSNECER
View all posts by Angelo Damiano Delliponti →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.