Loma: recensione disco omonimo

Condivi sui social network:

Loma

s/t

(Sub Pop)

indie dark folk

______________

 

loma-recensioneI Loma sono un progetto parallelo alle attività dei Shearwater e dei Cross Record, da cui primi prendono in prestito Jonathan Meiburg e dai secondi Emily Cross e Dan Duszynski. La cosa curiosa è che la Cross e Duszynski erano sposati e si sono separati proprio durante la lavorazione del disco omonimo dei Loma.

Liberatisi da qualsiasi gabbiai tre hanno registrato l’album in una casa in Texas, isolati da tutto e tutti e decidendo che ognuno di loro avrebbe potuto suonare qualsiasi strumento avesse voluto.

Il risultato è un disco in cui la voce di Emily la fa sì da padrona, ma senza alcuna forzatura; i musicisti sembrano mettersi volentieri al suo servizio per tessere trame indie-dark-folk, forzando questo termine per come possa esprimersi sotto il sole cocente del Texas.

Fra percussioni spesso martellanti, trame ambient e delicati strumenti acustici, Loma procede come un disco denso di contenuti, di atmosfere e di spunti musicali.

Cupe inquietudini, melodie da carillon, virtuosismi vocali: i Loma vanno avanti per scossoni emotivi più che sonori e hanno realizzato un album che probabilmente non avrà alcun seguito, ma che trascina l’ascoltatore in un marasma di emozioni intense. Mica roba da poco.

 

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
,

About Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
View all posts by Massimo Garofalo →