Helmet: Seeing Eye Dog

Poco convincente questa filosofia degli Helmet, che con questo Seeing Eye Dog non trasmettono molto di nuovo

Helmet

Seeing Eye Dog

(Cd, Work Song)

alternative metal, alternative rock, post-hardcore, grunge, stoner, psichedelia

_________________

Helmet - Seeing Eye DogUn compendio di metal, grunge, hardcore, alternative rock e psichedelia…A cui fa da trait d’union e da filone unificante e dominante su tutti lo stoner: tutto questo in puro stile Helmet con questo delirante Seeing Eye Dog. Ascoltato e riascoltato, risulta fin da subito un po’ ostico e stucchevole, a partire dalle sonorità, che sono di quel dissonante poco gradevole e francamente un po’ noiosetto, per quanto le capacità musicali del gruppo rimangano indubbie, che alla lunga potrebbe stancare.

Alcuni pezzi, come quelli iniziali, sono un’unione urlata e grattuggiata di hardcore e stoner, un po’ la versione deteriore dei Queens Of  The Stone Age, dal momento che la voce di Page Hamilton gratta un po’ e fa un po’ il verso a Ozzy Osbourne, senza effetti particolarmente brillanti, anzi, quasi fastidiosi (So Long, Seeing Eye Dog). Obbiettivamente la parte vocale contrasta molto con quella strumentale, che risulta invece abbastanza gradevole, anche se un po’ pesante. Verso la fine della title track Hamilton si mette a fare i versi simil-pernacchia, manco stesse cercando di mettere in atto gli esperimenti di Demetrio Stratos.

Riff e leit motiv ripetitivi si susseguono e quasi nessun pezzo colpisce per creatività ed innovazione; Welcome To Algiers è una commistione tra alternative rock, punk e ritorno ad un grunge che ricorda Cobain solo lontanamente, ma quando era in fase down. Su questa falsariga, è un continuo scoppiazzare e attingere da diversi pozzi per creare qualcosa di poco convincenti; LA Water scimmiotta palesemente i Beatles di Revolver, contaminandoli con un po’ di Bush, senza ottenere risultati di particolare brillantezza ma prolungando la noia (che gli Helmet vogliano citare i Beatles è sicuro, dal momento che fanno una cover di And Your Bird Can Sing, che forse è anche il miglior pezzo dell’album, a cui vengono aggiunti echi elettronici, ed in cui Hamilton canta meglio).

In Person è una copia ibridata, sia nel sound sia nel cantato, quasi come se Foo Fighters e Smashing Pumpkins si fossero fusi tra loro, dando vita a qualcosa di non ben identificato; Morphing rievoca i Pink Floyd e si impadronisce di nebbiose e remote atmosfere ambient, un po’ inquietanti a dir la verità, oltre ad essere un pezzo leggermente inutile e discordante col resto. Si ripiomba poi in atmosfere molto stoner e grunge con White City, in cui però la storia si ripete spudoratamente, con quell’accento a Dave Growl e, ancor prima a Kurt Cobain, troppo forzato e poco spontaneo; stessa cosa può dirsi di Miserable e She’s Lost (in quest’ultima si può trovare anche qualche eco dei Deftones di Andrenaline, però con maggior psichedelia) .

Spiace davvero che gli Helmet abbiano peccato troppo di mancanza di originalità e di ignavia nell’innovare.

Gli ultimi articoli di Irene Ramponi

Condivi sui social network:
Default image
Irene Ramponi

Irene Ramponi nasce a Milano nel 1983. Si interessa a tutto ciò che è arte fin dalla tenera età.
Questa passione rimane nel tempo, e, dopo la maturità scientifica, la porta ad iscriversi al neonato corso di laurea in Scienze dei Beni Culturali, indirizzo in Storia dell'Arte presso l'Università degli Studi di Milano. Consegue la laurea triennale nel 2006 con una tesi relativa ai Maestri Campionesi; Irene, infatti, è una delle poche ad avere una netta preferenza per la scultura rispetto alla pittura.
Continua i suoi studi sulla stessa linea, arrivando a laurearsi in Storia dell'Arte, corso specialistico presso l'Università Cattolica di Milano, nel 2009, con una tesi dal titolo: “Ricerche su Giovanni da Campione a Bergamo”.
Come si può notare dalle due tesi, Irene si interessa di argomenti poco battuti dalla Storia dell'Arte e poco conosciuti, se non nell'ambito degli studiosi più specializzati.
Ha collaborato con l'Associazione Amici dell'Arte di Castellanza (Va), tenendo conferenze sugli argomenti delle sue tesi e sui suoi studi presso la Villa Pomini, sempre a Castellanza.
Sta tuttora lavorando ad altre conferenze, in collaborazione con comuni del Varesotto e del Milanese, volte alla valorizzazione ed alla promozione dell'arte e del territorio locale.
E' amante del viaggio per la scoperta e la ricognizione di luoghi nuovi, e ama la musica, di cui si occupa con la collaborazione presso un'agenzia di organizzazione di eventi e concerti, ma anche praticandola in prima persona con lo studio del canto moderno e tramite alcuni progetti artistici.
Ama scrivere a tempo perso, soprattutto recensioni di critica a mostre e concerti, idealista disincantata, crede ancora nella forza dei sogni per la propria realizzazione personale.

Articles: 46