Avril Lavigne: recensione disco omonimo

Torna Avril Lavigne con un album omonimo che, tranne per una collaborazione con Marilyn Manson, si posiziona perfettamente fra i tanti lavori pop sulla scia di Katy Perry. Divertente per chi cerca quelle sonorità

Avril Lavigne

s/t

(Epic Records)

pop

_______________

[youtube id=”sXd2WxoOP5g” height=”360″]

avril-lavigneA due anni di distanza da Goodbye Lullaby, torna la canadese Avril Lavigne con un lavoro nuovo di zecca intitolato semplicemente Avril Lavigne. Le sonorità sono le solite che hanno decretato il suo successo, un pop rock che strizza sempre più l’occhio agli airplay radiofonici commerciali.

La prima traccia Rock’n’roll in realtà è un pop quasi alla Katy Perry e il rock l’ha solo nel titolo, ma è comunque molto orecchiabile. Here’s To Never Growing Up è il primo estratto dall’album ed è sulla stessa lunghezza d’onda della prima traccia.

17 e Bitchin’ Summer non cambiano molto le cose, entrambe due potenziali singoli ma tutto fuorchè rock. Giunti alla quinta traccia, Avril ritorna sui suoi passi e ricorda di essere la signora Kroeger; Let Me Go è una ballata che vede presente il marito Chad, leader dei Nickelback e infatti ricorda molto le sonorità della band.

Un altro tocco di rock, seppure molto commerciale si ha con Bad Girl, traccia molto ispirata e ritmata che vede la partecipazione di Marilyn Manson. Punta di diamante di un album che di punte ne ha ben poche. Con Hello Kitty, intrisa di sound fidget house e sonorità alla Skrillex, si sprofonda definitivamente negli inferi.

Tutto il resto sono ridondanti canzoni pop che probabilmente faranno furore negli airplay dei network nazionali ma che cantate da Avril, Katy, Miley o Pink, fa ormai poca differenza. Un ultimo picco interessante è la conclusiva ballata Hush Hush, che però non può risollevare le sorti di un album davvero poco originale.

Non avrei mai creduto di doverlo dire, ma rimpiango l’Avril Lavigne di Complicated e Sk8er Boy… Probabilmente però sbaglio io a pensare ad Avril come una rocker, quando invece è solo una delle tante postar…

 

 

Gli ultimi articoli di Fabio Busi

Condivi sui social network:
Fabio Busi
Fabio Busi
Articoli: 393