Zeno: Realtà e Simili

«Con questo disco Zeno si prepara ad un lungo cammino ricco di successi e riconoscimenti», recitano le ultime righe della cartella stampa. Sarà vero?

Zeno

Realtà e Simili

(Cd, Note Volanti)

pop

_______________

Nulla di nuovo sotto il sole in questo album d’esordio del triestino David Olivati in arte Zeno.

C’è spesso la tendenza a bollare la musica pop come un prodotto necessariamente privo di qualità e di ricerca. Ma non è così: basti pensare a una band come gli Smiths o a certi brani dei Cure, che sebbene non si possano classificare pienamente come pop hanno sicuramente sfornato degli hit singles a livello planetario. O anche ai Baustelle, per rimanere in Italia. Fare pop con intelligenza e sensibilità è una delle imprese più difficili in cui un musicista si possa imbarcare.

Zeno ci prova, non riuscendo però a svincolarsi dei cliché più deteriori propri della materia che tratta.

Ci troviamo così di fronte a nove tracce piene di idee melodiche scontate, sonorità trite e ritrite e testi quantomeno discutibili.

Fra brani mielosi à la Negramaro (Capiterai, Ad un passo da te), rock radiofonico senza troppo spessore (Spazio), rimandi ai peggiori Litfiba (Il segno, Attori del niente) e contaminazioni elettroniche prive di nerbo (Uomo di poca fede, Ricorderai) il cd si trascina stancamente senza lasciare tracce degne di nota.

Anche le scelte di missaggio paiono poco felici e contribuiscono ad appiattire la resa complessiva dell’album.

Gli ultimi articoli di Vittorio Arena

Condivi sui social network:
Default image
Vittorio Arena
Articles: 48