Selfishadows: Step On

Il primo lavoro della neonata Factum Est è Step On, l'album d'esordio di Selfishadows che fonde wave e glitch

Selfishadows

Step On

(Factum est)

elettronica, wave

_______________

Selfishadows- Step OnStep on è l’album d’esordio di Selfishadows, nome che Daniele Giustra ha voluto dare al suo progetto solista.

Il progetto è davvero ambizioso e inaugura la neonata etichetta Factum Est, che sulle orme della casa madre Jestrai si propone di promuovere musica non commerciale con una produzione limitata di copie.

Decisamente non commerciale è infatti Step On in cui il poliedrico artista calabrese mescola sintetizzatori, batterie elettroniche e voce per un risultato di nove tracce in cui staticità e ripetizione di ritmi cadenzati hanno la meglio sull’impatto dell’ascoltatore, indipendentemente da se l’elettronica piaccia o meno.

Il cantato secco e minimale (con un timbro che rimanda vagamente a David Sylvian) dà un po’ di calore e di diverse sfumature all’altrimenti fredda e cupa atmosfera che scaturisce da un pop che si può definire sintetico.

L’impressione che ne deriva è quella di un lavoro finto, che se dalle prime tracce come nel caso di You know e Step on conquista scarsi consensi a favore di un ritmo che tende allo psichedelico, perde ogni entusiasmo con il susseguirsi delle tracce. I testi probabilmente vogliono rispecchiare il tormento interiore dell’artista che si evince dalle sensazioni che suscita il particolare accostamento dei suoni e degli effetti.

Album particolare dunque, che può piacere se si cerca un’atmosfera lenta e senza troppe pretese.

Gli ultimi articoli di Ivonne Ucci

Condivi sui social network:
Default image
Ivonne Ucci
Articles: 51