Tongs: Fractal

Condivi sui social network:

Tongs

Fractal

(Cd, Rogues Records)

psichedelia, rock

______________

Tongs- FractalUn esordio interessante questo dei Tongs, caratterizzato da un sound che non cerca il percorso facile della commercialità. In questo primo lavoro intitolato Fractal si trovano diverse influenze che la band cita in Tool, Einstürzende Neubauten, Primus e Motorpsycho; band non proprio affini tra loro che evidenziano la varietà di suono che caratterizza l’album.

Ziqqurat è la prima traccia che, influenzata da atmosfere prog-jazz, cattura l’attenzione fino all’ultima nota e si rivela uno dei brani migliori.

Più particolare è Fractal Anatomy che ricorda abbastanza i ritmi sincopati propri dei Primus.

Non mi convince invece pienamente la seguente Insanity, dove la ricerca della particolarità mi sembra un po’ forzata, anche se comunque il brano è ben costruito e calza a pennello di seguito alle prime due tracce.

Così non è per Red Eye che appare un poco fuori contesto all’interno dell’album.

Scarecrow’s Gasp è invece il brano meno convincente dell’album e risulta come un calderone di stili troppo azzardato.

Sex In Sacristy è un altro dei brani di punta di Fractal; con le sue sonorità grunge mi chiede ripetutamente l’ascolto.

Interessante anche la più sperimentale Wake Up, Get Up, Get Off. Anche in questa traccia la band sembra cercare troppe sonorità, quando sarebbe forse più efficace qualcosa di meno costruito, ma sicuramente il brano risulta molto più convincente di Scarecrow’s Gasp.

Ed ecco arrivare l’attesa traccia che vede la partecipazione di Pierpaolo Capovilla del Teatro degli Orrori. Italian Politics propone una schizofrenica recitazione della ricetta della pizza margherita (o dovrei dire della situazione musicale italiana?) su noise industriali.

Nel complesso questo Fractal è un buon lavoro, sicuramente non di facile ascolto, che lancia però ottimi spunti per il futuro di una band, sicuramente validissima nella dimensione live. Se anche non amate il genere, spendete un po’ del vostro tempo per l’ascolto dell’album, i Tongs se lo meritano.

Gli ultimi articoli di Fabio Busi

Condivi sui social network:
, , ,