La Methamorfosi: Guai

Condivi sui social network:

La Methamorfosi

Guai

alternative rock, grunge

___________

La Methamorfosi: GuaiHo sempre pensato che certe cose del passato te le porti appresso per sempre, come una seconda pelle.

Alcune cose arrivano in profondità e resistono alle intemperie del tempo, come un impregnante che ridà lucentezza e respiro ad un vecchio mobile in legno.

La rivoluzione rock degli anni ’90 ha lasciato un segno indelebile e Guai, il debut album dei friulani La Methamorfosi, ne è una chiara testimonianza.

Sin dalla titletrack che apre l’album, e negli altri due singoli SP(sostanza piacente) e Mia, è razionalmente impossibile non notare il trademark sonoro di band storiche come Ritmo Tribale ed Alice In Chains, e la lezione doom di sabbathiana memoria, dove si intrecciano trame psichedeliche, oscure e riff granitici come la ghisa e l’acciaio.

Guai è un revival dal sapore aspro, passionale e anacronistico, di quelle sonorità che, all’epoca, restituirono linfa vitale all’ormai saturo genere rock degli anni ’80.

11 tracce inedite cantate in italiano con le quali i La Methamorfosi rendono omaggio a quel periodo storico che a sua volta trasse ispirazione dai grandi classici degli anni ’70.

Il primo disco dei quattro musicisti di Udine esprime un messaggio mirato e autentico, attraverso l’urgenza di comunicare tematiche sociali ed introspettive del tutto attuali, tra individualismo, malessere, illusioni e resilienza.

Gli ultimi articoli di Andrea Musumeci

Condivi sui social network: