RockShock

Gentless3: I’ve Buried Your Shoes Down By The Garden

Fabio Busi 4 ottobre 2011 Recensioni Cd, Video

Gentless3

I’ve Buried Your Shoes Down By The Garden

(Cd, Wild Love Records)

post rock, indie dark

_______________

Gentless3: I've Buried Your Shoes Down By The GardenUn’altra egregia produzione indipendente in arrivo dalla Sicilia. I Gentless3, band “benedetta” da L’Arsenale (Federazione Siciliana per la Musica e le Arti), si presenta col primo album I’ve Buried Your Shoes Down By The Garden sull’onda di un rock cantautoriale in bilico fra lo Steven Wilson più cupo e Nick Cave.

Prima traccia di questo emozionante lavoro è la tormentata Since ’98, una ballata tenebrosa, con la voce di Carlo Natoli a ricordare parecchio quella di Paul Banks degli Interpol.

Comeback From prosegue il lavoro con melodie introverse ed una seconda parte cantata che apre e fa intravedere uno spiraglio di luce.

On Busting The Sound Barrier è da brividi; brano di notevole fattura con atmosfere che ricordano il Jeff Buckley più tormentato. Assolutamente il migliore dell’album.

Con Peggy & The Houses le atmosfere si distendono leggermente avvicinandosi al sound degli ultimi Porcupine Tree.

Proseguendo nell’ascolto, è sempre più evidente la grande qualità , soprattutto con l’intensa Who’s e l’inquieta Alphabet City che ci avvicinano alla chiusura di questo I’Ve Buried Your Shoes. con Evidence, il brano più sperimentale e visionario di questo esordio.

Un prodotto molto interessante questo dei Gentless3, seppure caratterizzato da un’elevata esterofilia e di difficile ascolto per un mercato come quello italiano. Ben vengano comunque prodotti del genere per educare l’orecchio all’ascolto di musica di qualità che meriterebbe un grande successo. Bravi !


Gli ultimi articoli di Fabio Busi

Gentless3: I’ve Buried Your Shoes Down By The Garden il 4 ottobre 2011 votato 4.0su 5
Condivi sui social network:

1 Comment

  1. lelerock 11 ottobre 2011 at 21:30

    be’emozionato un po’ per il mio ingresso su rockshock e essendo
    devo ammetterlo un pochino di parte (chi mi conosce sa’ il perche’)
    devo notare la notevole fattura di questo disco che prende
    sicuramente il suono da vari gruppi o cantanti. ma gli spunti
    devi poi saperli mischiare sapientemente per avere un ottimo
    risultato come questo complimenti ai gentless3 e anche al recensore che se lo merita davvero ………rock!!!!!!!!!!!!

Leave A Response