Gentless3: I’ve Buried Your Shoes Down By The Garden

Da una Sicilia sempre più prolifica, ecco l'ennesima ottima produzione: l'esordio dei Gentless 3 dal lunghissimo titolo I've Buried Your Shoes Down By The Garden, vi emozionerà sulle scie di un cupo post rock di qualità

Gentless3

I’ve Buried Your Shoes Down By The Garden

(Cd, Wild Love Records)

post rock, indie dark

_______________

Gentless3: I've Buried Your Shoes Down By The GardenUn’altra egregia produzione indipendente in arrivo dalla Sicilia. I Gentless3, band “benedetta” da L’Arsenale (Federazione Siciliana per la Musica e le Arti), si presenta col primo album I’ve Buried Your Shoes Down By The Garden sull’onda di un rock cantautoriale in bilico fra lo Steven Wilson più cupo e Nick Cave.

Prima traccia di questo emozionante lavoro è la tormentata Since ’98, una ballata tenebrosa, con la voce di Carlo Natoli a ricordare parecchio quella di Paul Banks degli Interpol.

Comeback From prosegue il lavoro con melodie introverse ed una seconda parte cantata che apre e fa intravedere uno spiraglio di luce.

On Busting The Sound Barrier è da brividi; brano di notevole fattura con atmosfere che ricordano il Jeff Buckley più tormentato. Assolutamente il migliore dell’album.

Con Peggy & The Houses le atmosfere si distendono leggermente avvicinandosi al sound degli ultimi Porcupine Tree.

Proseguendo nell’ascolto, è sempre più evidente la grande qualità , soprattutto con l’intensa Who’s e l’inquieta Alphabet City che ci avvicinano alla chiusura di questo I’Ve Buried Your Shoes. con Evidence, il brano più sperimentale e visionario di questo esordio.

Un prodotto molto interessante questo dei Gentless3, seppure caratterizzato da un’elevata esterofilia e di difficile ascolto per un mercato come quello italiano. Ben vengano comunque prodotti del genere per educare l’orecchio all’ascolto di musica di qualità che meriterebbe un grande successo. Bravi !


Gli ultimi articoli di Fabio Busi

Condivi sui social network:
Immagine predefinita
Fabio Busi
Articoli: 375