Paolo F. Bragaglia & Ganzfeld Frequency Test: recensione di The Man From The Lab

Per li amanti delle soundtrack di fantascienza anni '70 e dei Kraftwerk è impossibile lasciarsi sfuggire The Man From The Lab di Paolo F. Bragaglia & Ganzfeld Frequency Test.

Paolo F. Bragaglia & Ganzfeld Frequency Test

The Man From The Lab

(Minus Habens Records)

elettronica, synth wave, kraut

_______________

recensione-The Man From The LabPaolo Bragaglia è un compositore elettronico già coinvolto in passato nella scena storica della new wave marchigiana nonché fondatore e ideatore del festival di musica elettronica Acusmatiq di Ancona. Dopo diversi lavori e collaborazioni con artisti di calibro internazionale (fra i tanti Howie B), musiche per la televisione, sonorizzazioni di film, arriva con questo interessantissimo The Man From The Lab.

Ispirato dalla new wave inglese elettronica fra gli anni ’70 e ’80, questo lavoro è proposto come un concept strumentale che fa da colonna sonora ad una serie TV immaginaria.

Monkey apre il lavoro con sonorità sintetiche ed è caratterizzato da un angosciante e incalzante ritmica e da un vocoder utilizzato in stile Kraftwerk.

Con The Mixture restiamo più o meno nella stessa dimensione, ma le sonorità sono più marcatamente electro/breakin’ di inizio anni ottanta. The Man From The Lab, brano eponimo, sposta l’attenzione su un sound ambientale e space che risulta essere molto intrigante e ipnotico.

L’unico brano cantato di questo album è Black Swan, un vero gioiello synth wave impreziosito appunto dalla voce di Bragaglia.

Rabbit’s Run rafforza il mondo spaziale dei brani precedenti con un tiro elettronico più sostenuto e avvicina ai bleep acidi ed inquietanti di Bat, quasi claustrofobico ma bellissimo.

Fra Kraftwerk e techno inizio ’90 (nello stile di Frank De Wulf per intenderci) emerge Stirrers che con Dust, brano che avrei visto benissimo nella soundtrack di Stalker di Tarkovskij, conduce alla conclusiva e cupa Dawn Of The Mouse che, come da parole dell’autore stesso, “Si ispira, come dice il titolo, ai barlumi delle prime luci dell’alba che si riflettono sui macchinari e sulle gabbie di un topo da laboratorio”.

Un album di forte impatto emotivo, da ascoltare più volte per capirlo e metabolizzarlo, da ascoltare ancora di più per amarlo.

https://www.facebook.com/paolobragagliamusic

Gli ultimi articoli di Fabio Busi

Condivi sui social network:
Default image
Fabio Busi
Articles: 362
Available for Amazon Prime