Haterial: Twisted Verses

Gli Haterial arrivano dalla Finlandia con il loro primo album, Twisted Verses. Una versione ruggente di thrash metal, che non cerca di convincerci o ammaliarci. Buona la prima, la prossima cerchiamo di metterci un po' d'anima, però...

Haterial

Twisted Verses

(CD, Wormholedeath Records)

thrash metal

________

[youtube id=”U_3K1qxqMJA” width=”620″ height=”360″]

Gli Haterial sono una realtà finlandese: la band formatasi recentemente (2010) è stata messa sotto contratto da un’etichetta indipendente italiana, la Wormholedeath.

Un percorso veloce per questo quintetto che ci propone la sua versione di thrash metal nell’album Twisted Verses: 12 tracce di puro metalcore.

Già dalle prime note il sound si rivela subito altamente energetico, accompagnato da una voce graffiante che alterna continuamente toni alti a quelli cupi. Spesso la corsa si ferma, per aprirsi a interludi acustici.

Ma alla lunga il gioco non funziona, e l’appiattimento prende il sopravvento. Se bisogna tenere conto della giovinezza del progetto, è pur vero che le idee se ci sono si vedono, anche allo stato grezzo.

I riff sono particolarmente accattivanti, rendendo le melodie persino catchy in pezzi come Burn, uno dei più riusciti. La scheda del gruppo m’informa del fatto che gli Haterial si odiano o si amano, ma che devo sapere che loro probabilmente mi odiano già (sic!).

Personalmente credo che l’aggressività e, più in generale, l’estremo in musica sia bello quando non sia fine a se stesso, ma racconti per emozioni quello che non si riuscirebbe a dire con le sole parole.

O più semplicemente non ho abbastanza testosterone nelle vene per godere del fascino primordiale di una testa sbattuta contro il muro, ancora ed ancora. Difatti programmi televisivi come Jackass rappresentano ancora per me un grosso punto interrogativo.

 

Gli ultimi articoli di Dafne Perticarini

Condivi sui social network:
Default image
Dafne Perticarini
Articles: 93
Available for Amazon Prime