Andrea Fabiano: la recensione di La Timidezza delle Chiome

Condivi sui social network:

Andrea Fabiano

La Timidezza delle Chiome

(Junkfish Records)

canzone d’autore

_____________

Andrea Fabiano recensione La Timidezza delle ChiomeAndrea Fabiano è un cantautore piemontese al suo primo disco sulla lunga durata. La Timidezza Delle Chiome è un album che colpisce per cura dei particolari, per un songwriting di tutto rispetto e per la semplicità delle melodie contenute al suo interno.

Partendo da questo presupposto, ci si rende immediatamente conto come la musica contenuta all’interno di questo album sia molto raffinata.

I riferimenti sono Niccolò Fabi (Animale) o i La Crus di metà anni novanta (Il Dono Più Grande) con tanto di tromba che ricorda da vicino la band milanese.

I testi sono molto poetici ed il musicista disegna piccoli quadri malinconici che non sfociano mai nella banalità. I brani sono accurati come la titletrack che contiene al suo interno delle melodie mai scontate.

Il sound acustico porta ad una visione molto intima del lavoro senza, però, che si sfoci in plagi. L’originalità di Fabiano sta nello scrivere canzoni di grande qualità (Carne Tremula) che, probabilmente, una ventina di anni fa avrebbero reso il cantautore una stella del panorama alternativo italiano.

La verità è che, dopo tutto, questo disco è una piccola gemma che andrebbe immediatamente scoperta, visto che ci si trova dinnanzi ad un lavoro di qualità di primo ordine.

Artisti come Andrea Fabiano sono vera e propria manna dal cielo per la musica italiana, troppo spesso persa tra talent e concorsi senza futuro. Basterebbe fare una ricerca più accurata tra le nostre città per capire che il talento, fortunatamente, ancora esiste dalle nostre parti.

Gli ultimi articoli di Francesco Brunale

Condivi sui social network:

About Francesco Brunale

View all posts by Francesco Brunale →