Rose Kemp: Unholy Magesty

Condivi sui social network:

Rose Kemp

Unholy Magesty

(CD, One Little Indian Records, 2008)

rock, dark

_______________

Elaborato e particolarmente eccentrico. Audace nei costrutti e vistoso e loquace nella parodia musicale. Insigne nella glabra astrazione poetica del messaggio musicale, la voce par non essere entrante, ma con operosa prepotenza si sposa in una relazione fatta di più contrasti!

La melodia si scopre raffinata ed elaborata, vessazione derivante dall’ancestrale e corpulenta tiritera, fornita dall’orchestra ,che si abbandona verso suoni decisi e minimali, creando una netta differenza nel disco!

Unholy Magesty, dei Rose Kamp, è un disco forte, seducente, ma altresì rarefatto, a volte spoglio e ridetto. Le tempra sono robuste, tutto l’elaborato è rigoroso,ma tara nell’eccessivo disagio di essere macchinoso.

Dirt Glow,che dire è un pezzo copioso e ancestrale.
Flawless è una ballata epocale, poesia e universo giocano a rincorrersi .
Saturday Night è una dolcissima ninna nanna, ad intervalli ascetici.
Vacancless è illuminante, seducente, perverso e cattivo, suono proiettato da un’ empia chitarra che alza l’intervallo procurato dalla voce.

Unholy Magesty è un disco curato, molto estroso, che merita attenzione, seppure a volte tende ad essere ripetitivo.

Gli ultimi articoli di Saveriana Fredella

Condivi sui social network:
,

About Saveriana Fredella

View all posts by Saveriana Fredella →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.