We Are Waves: Labile

Il primo LP dei We Are Waves si intitola Labile ed è una sintesi tra suoni rock, new wave ed elettronici. Una piccola enciclopedia del post-punk degli '80. Ma non solo. Le atmosfere sono quelle, sì, ma c'è anche tanto materiale di prima mano

We Are Waves

Labile

alternative, new wave, electronic

(Memorial Records)

[starrewiev]

_______________

[youtube id=”sMOQ57HQmYs” width=”620″ height=”360″]

We Are Waves- LabileDopo il loro omonimo EP d’esordio, i We Are Waves tornano con il loro primo LP studio Labile, prodotto da Federico Malandrino per la Memorial Records.

Il nuovo disco è una riconferma della strada new wave intrapresa fin dalla loro nascita come Overock nel 2011, arricchita da una componente elettronica che dagli anni ’80, a cui si ispirano citando band quali Cure, Joy Division, New OrderSister of Mercy, li riportano alla contemporanea scena alternative che si basa su atmosfere synth.

Non sarà casuale la scelta di inserire tra le 11 tracce dell’album una cover niente male del brano A Forest della band di Robert Smith, forse a conferma del loro debito nei confronti della cultura britannica di quel periodo.

Gli altri brani, spinti da una carica veloce e sperimentale, mostrano il valore che hanno attraverso la maestria con cui il gruppo torinese sintetizza gli influssi dei generi più disparati in un risultato che raggiunge la sua eccellenza in canzoni quali Raquin’s Violent Vein, Old days oppure Here.

Se è vero che la band saccheggia le atmosfere wave e post-punk, è però anche vero che vi infonde parecchio materiale di prima e un gusto per la sperimentazione mai banale. Sicuramente di non facile comprensione, nota però assolutamente non negativa di questi tempi, Labile è il miglior esordio long playing che i We Are Waves potessero proporre sfruttando al massimo la loro carica energetica.

Gli ultimi articoli di Ivonne Ucci

Condivi sui social network:
Default image
Ivonne Ucci
Articles: 51