Grind Zero: Forceful Diplacement

Condivi sui social network:

Grind Zero

Forceful diplacement

death metal, thrash

(CD, Autoproduzione)

__________________

Nati del 2011 dall’unione del chitarrista Udo Usvardi e del bassista Alex Colombo, i Grind Zero, già gruppo di spalla alla data italiana degli Entombed nel 2012, arrivano nello scorso aprile a dar man forte ai Possesed nel loro concerto in italia e, proprio in questa occasione, rilasciano il loro promo Forceful Diplacement.

Forti della loro identità death, i Grind Zero ci concedono per questo promo di 3 tracks che faranno parte, con altre 6, dell’album cosi anticipato che prenderà il nome di Deconstruct.

La prima track, Blood soaked  ground arriva come un pugno nello stomaco potente e aggressiva, Extra life disease  inizia con un intro più meditato, un po’ doom, per poi scatenare chitarre forsennate e growl agguerrito, chiude War for war musicalmente più complessa con la parte vocale che sprigiona energia in ogni nota.

Le tre tracks presentate mostrano una buona coesione strumentale con una voce sugli scudi notevolmente aggressiva. Il promo in oggetto è stato mixato in modo diverso rispetto a quello che troveremo su Deconstruct, il loro prodotto finale.  Le sonorità del promo ricordano i Cannibal Corpse o gli Obituary, un death metal con influenze trash e con una voce che da dimostrazione di ampiezza e potenza.

Un buon promo questo Forceful Diplacement per i Grind Zero, ma per avere un visione completa  e dare un giudizio compiuto sarà meglio aspettare  l’intero album, per adesso ci mostrano fiducia nelle proprie idee, buona tecnica ed una voce notevole. Per gli  appassionati del genere.

 

Gli ultimi articoli di Gaetano Turchetta

Condivi sui social network:
, ,

About Gaetano Turchetta

View all posts by Gaetano Turchetta →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.