Gates: Parallel Lives

Gli americani Gates sbarcano con Parallels lives, tracce leggiadre e un post rock morbido come una piuma. Per sognatori

Gates

Parallel lives

(Pure Noise)

post-rock

_______________

Gates- Parallel LivesDisco di delay, echi e rimbombi come sempre, ma una linea armonica più carica di atmosfere aeree, più melodica nei tratteggi e nelle evanescenze post pock, praticamente una elevazione da quella forma ambient in cui li avevamo conosciuti e lasciati con Bloom & Breathe. Parallels Lives è il nuovo disco degli americani Gates, un lavoro molto più avvicinabile agli orecchi, pulito e rifinito nei minimi dettagli.

La dimensione della band del New Jersey è fluttuante come i tramonti di Copeland e gli orizzonti rossastri di certi Waking Ashland, Acceptance, una lussureggiante poetica volante che in undici tracce mette le ali e sorvola storie e sogni rarefatti, sempre con quella aura nebbiosa che in un certo senso si fa mistero, una bella propensione a spaziare senza pesantezza e quei carichi elettrici che interrompono l’architettura della forma canzone.

Si, i Gates hanno invertito il senso di marcia della propria estetica sonora, molto più intima ma con brio elegante, un ascolto rilassante e flessuoso che fa dimenticare gli affanni, il buio di Eyes, la ballata cinematica Shiver, il soliloquio intimo Fade e l’aria impalpabile della title track sono il passaporto del lotto sonoro per traghettare il loro mondo verso il nostro, dopodiché è amore ravvicinato.

 

Gli ultimi articoli di Max Sannella

Condivi sui social network:
Default image
Max Sannella
Articles: 218