DelendaNoia: Odi Et Amo

Condivi sui social network:

DelendaNoia

Odi Et Amo

(Disco Dada/Audioglobe)

electro-pop, new wave

_______________

[youtube id=”HYNG2jq7ZlM”]

DelendaNoia- recensione-Odi Et AmoScappare da Porto Torres per inseguire la propria vocazione artistica a Reggio Emilia. I DelendaNoia, duo electro-pop nato nel 2010, è così che hanno fatto ed è così che sono riusciti, con il loro primo lavoro, a mettere a segno una lunga serie di concerti. Odi Et Amo è il loro secondo disco e per realizzarlo si sono affidati con successo al crowdfunding.

Si ispirano dichiaratamente alla scena wave italiana prendendo a modello Franco Battiato, Krisma, Garbo, Faust’O, ma anche Bluvertigo. Modelli che filtrati dalla loro attitudine musicale restituiscono echi di Baustelle e Pet Shop Boys. Il piglio degli otto brani (più una cover) che compongono Odi Et Amo è sorretto da melodie orecchiabili, ganci e ritornelli zuccherosi, quasi dream-pop. Gli arrangiamenti sono costruiti su synth e drum machine che più anni ’80 non si può. Come fossero puristi di un certo tipo di suoni e strumenti, non concedono spazio a nessun altro suono che non provenga direttamente dal periodo d’oro del synth-pop.

Al primo ascolto questa immersione nel passato lascia straniti, ad affaticarsi con strascichi di ricordi e la continua sensazione di già sentito. Battiato ed i Bluvertigo saltano fuori più di una volta, devo ammetterlo. È negli ascolti successivi, però, che una volta abituato l’orecchio allo shock temporale sale a galla la bravura dei DelendaNoia.

L’intreccio di voci e suoni sintetici fa risaltare i testi, scritti tutti in italiano, che scandagliano solitudini, amori, rapporti finiti male, e sono costellati di metafore, colori gelidi, frasi lasciate a metà, dialoghi abbozzati riportati con fare quasi teatrale. Anche la struttura dei brani è fedele ad uno schema rigidamente ciclico che si concede di tanto in tanto solo qualche special o qualche intro/outro.

Piuttosto che provare a descrivere come suonano i singoli brani della tracklist, vi dico che oltre alle sonorità ed i rimandi già citati e che affiorano a turno, un po’ tutti, in quasi tutti i brani, c’è un grande lavoro proteso a ricreare un certo tipo di atmosfera ed immaginario, con risultati, devo ammettere, sorprendenti. Fin’anche la cover di Fotoromanza, successo di Gianna Nannini, che il duo destruttura e rallenta, modificandone la chiave e la tonalità, rendendolo una preghiera in minore dai toni cupi e fumosi, riesce bene al punto da sembrare quasi migliore dell’originale, con un retrogusto à là CCCP Fedeli Alla Linea che crea un cortocircuito interessante e non banale.

Odi Et Amo non è un disco perfetto, certo, ma è un lavoro carico di spunti, idee, sudore e creatività non da poco. L’aspetto che ha reso importante la scena wave italiana della prima metà degli anni ’80 era il suo stile internazionale che faceva concorrenza al post-punk d’oltre manica. I DelendaNoia si soffermano molto sull’italianità di quei riferimenti e meno sull’internazionalità della loro proposta, con voci sempre (forse troppo) in primo piano e pochissima (peccato) strumentazione suonata.

Odi Et Amo però è un disco davvero piacevole e scorrevole che, complice il ritrovato amore per le sonorità retrò che di recente sta portando fortuna a molti artisti, non si disdegna di riascoltare più e più volte. Se vi sorprenderete a canticchiare qualcuno dei loro ritornelli, sono sicuro che vi verrà voglia di mettere su questo disco anche in momenti inaspettati della vostra giornata.

 

Gli ultimi articoli di Antonio Serra

Condivi sui social network:
, ,