La Rua Catalana: Island Tales

Condivi sui social network:

La Rua Catalana

Island Tales

Octopus Records

rock, progressive rock, funk

_______________

[youtube id=”X2BD7h3xPQI” width=”620″ height=”360″]

la rua catalanaDopo due Ep, Island Tales sigla il passo ufficiale dei beneventani La Rua Catalana, piccolo grande combo dedito ad un prog-rock “folkerizzato” che s’impegna fedelmente con ogni direttrice di ascolto, dodici percorsi d’autore che non hanno nulla da invidiare con “storie sonore” d’oltre Manica, una dozzina di “sogni e vibrazioni” inconfondibili.

Mix di timbri e mood, poi chitarre, flauti traverso, viole, violini, didgeridoo, cajon e tanto altro per fare “festa mobile” tra stereo e testa, per stare in sintonia piena con le storie e i ricordi che i La Rua Catalana imbastiscono in questa tracklist, punto di incontro di uno spessore tecnico e creativo di prim’ordine.

Ascoltando bene si incrociano – oltre che la piacevolissima “intrusione” de L’Arechi Quartet e altri amici di sempre – equilibrismi di Strawbs The colonel, Tullianismi vari Goodbye, la tradizione prog tricolore, Il Volo Slow down, Osanna Moon’s joke, e tutta la sognante compagine degli straordinari verticalismi mid-psichedelici del tempo che fu.

Prodotto da Giuseppe Fontanella, ex 24Grana, cantato in inglese e idealizzato nel convento dei frati minori di Zungolo (Avellino), il disco è una fonte rigenerante di buono, e a conferma arrivano la dolcissima Song to Jeff (dedicata a Jeff Buckley) e il pindarismo d’archi che Gold and silver wings regala a fine corsa, degna chiusura tra malinconie di un parallelo “concerto grosso” di smalto straordinario.

Della serie, la bellezza non da tregua!

 

Gli ultimi articoli di Max Sannella

Condivi sui social network:
, , ,