Jonsi: Go

Condivi sui social network:

Go

(Cd, Parlophone Records)

folk, elettronica

_______________

Non c’è che dire, Go spiazza dal primo ascolto. Come un bambino che si avvicina con esitazione per la prima volta ad grosso gelato, con gli occhi di pura curiosità, per poi assaporarne lentamente ogni attimo di inaspettata felicità e meraviglia.

Jón Thor Birgisson in arte Jonsi, leader del gruppo islandese dei Sigur Ròs, ha deciso di fare un pò di strada da solo. Già protagonista, con il suo compagno Alex Somers, dell’album solista d’esordio Riceboy Sleeps, esce ora con questo nuovo lavoro. Provando a stupirci.

L’inizio non è proprio come te lo immagini, o forse sì. Due tracce allegre e ritmate che portano con se tutto il retrogusto di felicità già ampiamente ascoltato nella prima parte dell’ultima fatica dei Sigur Ròs. Baldoria folk dove tutto è baciato dal sole. Poi, lentamente, le cose cambiano.

Tutto il brio si trasforma in drammatica malinconia, facendo uscire dalla terra assolata l’introspezione di Jonsi. Senza fretta scende il buio, i tempi si dilatano ed il forte impatto emotivo prende il sopravvento. Ci troviamo di fronte ad una immensa raccolta di gioiosa malinconia dove folk, rock ed elettronica si miscelano sapientemente.

Manifesto di tutto il lavoro è Grow Till Tall, un incredibile maestoso crescendo vocale, che culmina in una bolgia di post-elettronica. Un impeto spinto dalla voglia di condividere il proprio stato d’animo con il mondo intero.

Stratosferico il lavoro alle percussioni di Samuli Kosminen, così come ottimi tutti gli arrangiamenti, affidati a Nico Muhly (Antony and the Johnsons e Björk). In primo piano la voce in falsetto di Jonsi, calda e profonda, sulle canzoni quasi tutte scritte in inglese.

Se siete in astinenza per la prossima uscita del gruppo islandese più famoso, fate vostro Go e non ve ne pentirete.

P.S.: i Sigur Ròs hanno letteralmente buttato nel cestino il materiale su cui avevano lavorato negli ultimi mesi, di cui non erano soddisfatti. Dato che alcuni dei musicisti della band stanno per diventare papà … hanno deciso di rimettersi al lavoro per il loro agognato nuovo disco nel 2011.

Gli ultimi articoli di Vincenzo Riggio

Condivi sui social network:
,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.