Dead Science: Villanaire

Condivi sui social network:

Dead Science

Villanaire

(Cd, Costellation Records, 2008)

post rock

________________

Già conosciuto per la passata collaborazione con gli Xiu Xiu, il trio statunitense dà alle stampe un album che ne conferma i (molti) pregi e i (pochi) inevitabili difetti.

Una scaletta studiata scientificamente per alternare i brani più fruibili a quelli più coraggiosamente sperimentali. In apertura un dittico che vuole essere manifesto dell’intero album: chitarre post-rock mescolate a sintetizzatori e complicati arrangiamenti orchestrali da una parte (Throne of blood (the jump off)), ritmiche sincopate irrorate di dissonanze e squarci jazz dall’altra (The dancing destroyer).

La formula viene riproposta con successo lungo l’intero arco dell’album; si passa così dal pop orchestrale di Make M ine Marvel al gioco di suoni dissonanti e orchestrazioni dal respiro cinematografico di Monster island czars; dall’alternanza agrodolce di tappeti acustici e inserti d’archi di Lamentable all’imponente muro ritmico che sfocia nel delicato e insistito refrain di Death duel productions.

E ancora: strutture armoniche dal retrogusto sixties mescolate a linee vocali quasi trip-hop (Wife you), pianoforti glaciali e voce in falsetto à la Jeff Buckley (Holliston), deja-vu radioheadiani con aperture orchestrali quasi sinfoniche (Black lane), avvicinamenti improvvisi alla forma canzone più tradizionale (Sword cane), composizioni per chitarra classica inasprite da sincopate evoluzioni ritmiche e contrappunti sintetici (Clemency).

Un calderone di suoni che mantiene però una forte compattezza stilistica, la cui unica pecca evidente è l’utilizzo di un cantato smaccatamente simile a quello di Thom Yorke. Nulla nasce dal nulla però, preferiamo quindi trascurare questo neo e lasciarci avvolgere dalle sperimentazioni sonore di questo Villainaire, perfetta colonna sonora di una serata autunnale un po’ visionaria.

Gli ultimi articoli di Vittorio Arena

Condivi sui social network:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.