Clairvoyants: Word to the Wise

Da principale tribute-band italiana degli Iron Maiden a gruppo che debutta col proprio Word to the Wise: il salto è importante, il risultato è tutto da scoprire

Clairvoyants


Word to the Wise


(Cd,Valery Records)


_______________

clairvoyantswordtothewiseC’è poco da fare, il sapore vintage di quel metal anni ’80 che non c’è più mantiene un  fascino del tutto particolare.

E’ per questo che i cinquanta minuti di Word to the Wise degli italiani Clairvoyants  mi sono piaciuti parecchio.

Nascendo nel 2001 come tribute-band degli Iron Maiden è piuttosto comprensibile che lo  stile, i riffs e l’ambientazione siano quelli che hanno reso celebri la Vergine di Ferro.

Ma i Clairvoyants fanno sentire forte il desiderio di dare una corposa impronta personale ai  dieci brani (nove, più la cover di Halloweed be thy name dei Maiden che conclude il  cd) di Word to the Wise.

Si sente che è un gruppo ben collaudato, con meccanismi oliati che portano ad una preziosa  sinergia della parte ritmica, ad una qualità elevata dei riffs delle chitarre, eccellenti  anche quando procedono in coppia.

Citazione speciale per “Gab” – vocalist del gruppo dalle corde vocali davvero raffinate –  suggello ideale per il lavoro dei Clairvoyants.

Word to the Wise, in conclusione, è un ottimo album che proietta i Clairovyants verso  un futuro – speriamo radioso – nel panorama metal internazionale, con quel retrogusto  vintage che regala un tocco di magia.

www.clairvoyants.it

Gli ultimi articoli di Diego Angelino

Condivi sui social network:
Default image
Diego Angelino
Articles: 28
Available for Amazon Prime