The Black Animals: Samurai

Gli umbri The Black Animal escono allo scoperto con Samurai, dieci tracce impulsive e dritte come un proiettile in fronte

The Black Animals

Samurai

(Stormy Weather)

rock

_______________

THE BLACK ANIMALSPrendere una immediata “cotta” per i The Black Animals non è difficile. Con un esordio cosi gridato, svenato e contagioso, quale è questo Samurai, dieci tracce basate su una “scapestrata urgenza sonica e lirica” cosi irrefrenabile che ne possono soffrire anche i coni stereo, quello che per primo passa in testa all’ascoltatore è un senso di pienezza, di una sfrontata energia di credibilità che fa onore all’underground tricolore, di un worm up sonico carico di sudore e  spontaneità molto personale che da solo costruisce numeri importanti e piaceri multipli.

Il quartetto di Città di Castello porta addosso la sana linfa del rock “a getto”, di quell’impatto distorto, elettrico, adrenalinico e strapieno di storie e concetti contemporanei, melodia e watt in una guerra pacifica che si esprime nel pieno delle proprie affinità. Tutto nasce da una idea di Alberto Fabi per poi allargarsi a band, e quello che poi diventa “esigenza di esserci” è rock da loud a palla, riff di chitarra, ritmi epilettici e sostanza lessicale, tutto da sputare fuori e in faccia alla società, da sparare dritto all’ovvietà falsa di tutto.

La tracklist abbaglia di luce propria chiunque ami le più aspre/dolciastre derivazioni rock, lo speed Purpleiano Tutto quello che, lontani anni ’90 dei Ritmo Tribale Non dovevi, L’unica, il funky storto Coriandoli o la deriva pop che chiude il lotto La tua pelle, fanno massa per il proseguo dell’ascolto totale, la chiave d’accesso per perdersi magnificamente in questa delirante ossessione made in Umbria.

 

Gli ultimi articoli di Max Sannella

Condivi sui social network:
Immagine predefinita
Max Sannella
Articoli: 218