Stefano Meli: Ghostrain

Il bluesman siciliano Stefano Meli con Gostrain disegna i fantasmi evanescenti di una americana bluesy d’impatto, una delicatezza solitaria che brucia deliri e sogni

Stefano Meli

Ghostrain

(Seltz Recordz)

blues

_______________

https://youtu.be/9gP1wEwBdoY

ghostrainIl prismatico talento del bluesman siciliano Stefano Meli rimette all’appello il vezzo immortale dell’Americana sporcata di blues, di solitudine che si taglia con il coltello delle visioni e di quei suoni che ripristinano il ciclo “chiaroscurale” degli hobos solinghi, spiriti prede di febbri, storie nette e umanità al centro dei grandi open space virtuali.

Ghostrain è un disco focale, strumentale e pieno di fantasmi, ombre, magnificenza e anima, un lavoro che favorisce la luce sulle striature rossastre del crepuscolo, un disco che nell’arco delle sue dieci tracce ipnotizza l’ascolto, lo rende felicemente succube dei suoi luccicori metedrinici, innalzandolo poi a testimone di un infinito mai allineato alla quotidianità.

Linee sonore di dobro, chitarre, slide, armoniche, charango, stomp, percussioni essenziali e sparute nuotano dentro chiazze lisergiche immacolate, respiri letterari tra Caldwell e Steinbeck  a dare sostanza di riferimento a questa sacca sonora di silenzi emozionali, di trip aggiunti come fossero stelle da scrutare innocentemente.

Da Walkin’ a Fuckin’, dalla titletrack a Winter, soffermandoci sugli istinti mediorientali di Gaza 2 è tutto un fuoco di sangue caldo, di armonie che generano sogni e deliri a ripetizione. Bello!

 

 

Gli ultimi articoli di Max Sannella

Condivi sui social network:
Default image
Max Sannella
Articles: 218
Available for Amazon Prime