Pico Rama: Locura

Pico Rama con Locura traghetta la coscienza in un tourbillon di reggae, raggamuffin e tribalità mistica, facendo del galleggio la base esistenziale
Condivi sui social network:

Pico Rama

Locura

(Mescal)

reggae

_______________

locura-pico-ramaUna torta di dreadlock in testa e l’immaginazione sciamanica di chi vive e pensa “in levare”. Torna con Locura, Pier Enrico Ruggeri (figlio del Ruggeri nazionale) in arte Pico Rama, una essenza di concetti e j’accuse che espandono pensieri e vedute personali per una dimensione e una coscienza allargata, tra il mistico e l’esoterico.

Elettronica, profumi reggae, raggamuffin, libertà pop ironica e indagante lungo la tracklist in cui Pico Rama giostra un ambaradam godibile, che fa muovere testa e gambe, fa dondolare e ricanticchiare ogni singola aria, un insieme di atmosfere “trasversali” che mettono in luce una verve allucinata e corretta che non ci si aspetta; nove brani scritti di pugno salvo il refrain di Your jungle scritto e cantato da Yari Power, parte del ritornello di Loco (Darwin Grajales) e le tre cover Dall’altra parte del cancello (Gaber), il canto sciamanico di Estrellita Divina e Nuevo Horizonte (Kirtan Reggae), tutto il rimanente è un ascolto totale surreale e stralunato (all’apparenza) che fa galleggiare qua e la, ma in fondo in fondo, quando transita l’atmosfera onirica e pulsante di La saliva degli angeli, lo yo-yo sonoro de L’idea della mortalità o la metafisica pazza che circola nella tribalità di Esplosione da di dentro, un pizzico (anche di più) di consapevolezza d’anima prende, non si sa come effettivamente, ma prende di brutto!

 

Gli ultimi articoli di Max Sannella

Condivi sui social network:
Default image
Max Sannella
Articles: 218