Orlando Andreucci: Inusitato

Con il garbo e la raffinatezza di sempre, il cantautore romano torna a condurci nel suo universo poetico eppure concretissimo fatto di sonorità d'autore, jazz e bossa nova. Un disco Inusitato, ricco di storie, personaggi e canzoni per cuori ed animi puri

Orlando Andreucci

Inusitato

(Cd, Interbeat/Egea)

canzone d’autore

[starreview tpl=16]

_______________

Orlando Andreucci- InusitatoBasterebbe soffermarsi a riflettere sul termine scelto (non a caso) per dare nome, corpo e sostanza alla sua quinta opera musicale per comprendere l’accuratezza e la ricercatezza che Orlando Andreucci è solito riservare alle sue produzioni artistiche. Insolito? Inconsueto? Inusuale? No, Inusitato, questo il titolo del suo nuovo cd, giunto a quattro anni dal precedente lavoro da studio. Un aggettivo che ben rappresenta la sua pluriennale produzione discografica e, soprattutto, il suo modo di essere e di concepire la musica, semplice, pacificato, mai sopra le righe, in un’epoca in cui tutti corrono per apparire. Un aggettivo che, non solo per assonanza fonetica, risuona di Lusitania, di viaggi dentro e fuori di sé, di terre e storie lontane eppure vicinissime.

Libero da condizionamenti, così lo definimmo anni fa parlando del suo “Istinto Di Conservazione” e così fortunatamente lo ritroviamo oggi ascoltando le dieci tracce che compongono questo disco di inusitata, appunto, dolcezza, ancora una volta affumicato di jazz, bossa nova e canzone d’autore.

Magistralmente ed unicamente sorretti dal pianoforte di Primiano Di Biase e dalla chitarra acustica dello stesso Andreucci, i brani da lui scritti e cantati con voce roca ed animo gentile, dipingono racconti di uomini a confronto con la propria solitudine mentre si interrogano pensosi il Mento, di Quello Che Rimane di una esistenza sotto lo scorrere inesorabile del tempo, di ciò che sarebbe potuto accadere Se... Storie di discorsi Senza Parole, di sogni che muoiono all’alba, di occasioni perdute.

Benvenuti, dunque, in questo universo poetico e concretissimo tratteggiato dalla musica garbata e raffinata del cantautore romano dall’attitudine slow. Un luogo dell’anima in cui arrestarsi ad ascoltare il respiro affannoso della vita, magari sorprendendoci di come, nonostante tutto, ancora ci batta forte il cuore.


Gli ultimi articoli di Ivan Masciovecchio

Condivi sui social network:
Default image
Ivan Masciovecchio
Articles: 120