Meat Puppets: Lollipop

Condivi sui social network:

Meat Puppets

Lollipop

(Cd, Megaforce)

punk, country

________________

MeatPuppetsLollipopSi chiama Lollipop il trediscesimo lavoro dei Meat Puppets,  secondo disco da quando si sono riuniti nel 2006. La prima cosa che sorprende della band dei fratelli Kirkwood è quella incredibile capacità di fondere l’attitudine punk-rock (e la loro storica militanza nella scena statunitense) alle sonorità tipiche dell’America contemporanea (il folk prima di tutto).

Gli affreschi acustici e campestri vengono sporcati con iniezioni di low-fi che sono la testimonianza che la fama del gruppo è legittimata da una classe non comune. Non è un caso che band come Sonic Youth, Flaming Lips e Nirvana (che li scelsero come loro supporter) abbiano espresso il loro apprezzamento per il gruppo di Phoenix.  Gli album leggendari degli inizi che avevano elevato i Meat Puppets a band di culto dell’underground americano sono ormai troppo lontani e oggi la band è cambiata.

L’età della maturità del gruppo (attivo dall’inizio degli anni ottanta) coincide quindi con una consapevolezza artistica e una sicurezza che porta i due fratelli Kirkwood a fare sfoggio delle qualità del gruppo in maniera disinvolta e sicura: l’album scorre via in maniera velocee  senza particolari picchi di qualità, sottolineando la capacità della band ci cimentarsi in un repertorio vasto ed eterogeneo: dal rock vagamente spagnoleggiante di Lantern allo ska leggero ma tutto sommato trascinante di Shave It.

Quando l’elettricità prende il sopravvento sulle allegre (ma alla lunga noiose) chitarre acustiche il sound sembra diventare più accattivante, ed in questi momenti che si sprigiona la forza maggiore e che produce i momenti migliori: la potenza di Way that It Are per veemenza e candore sembra la traccia migliore del disco, mentre le cavalcate acustiche dopo la prima metà del disco cominciano ad annoiare.

Il sound quindi funziona quando i due elementi fondamentali (acustico/elettrico) si scontrano in maniera violenta  e decisa, mentre quando la band si accomoda sui fasti di un passato importante viene voglia di cambiare disco. Purtroppo anche per chi ha venduto parecchi dischi non bastano una serie di quattro accordi preconfenzionati  e una chitarra acustica ammicante. Le band di ventenni con una chitarra acustica e dei vestiti alla moda riescono a fare molto di più (effettivamente e purtroppo per noi).
Il gruppo dimostra di avere talento e tanta esperienza, ma al tredicesimo album i 500.000 fan che hanno comprato Too High To die nel 1994 meriterebbero qualcosa in più.

La mia sensazione è che il gruppo sia divenuto troppo sicuro e a suo agio nelle sue (effimere) sicurezze. La produzione dello stesso Kirkwood non aiuta a smorzare la monotonia sonora dell’intero lavoro.

La leggenda continua, ma il talento ha bisogno di essere alimentato. Ci vediamo alla prossima cari Meat Puppets, stavolta non siete stati gentili.

 

Gli ultimi articoli di Alessandro Paldo

Condivi sui social network:
,

About Alessandro Paldo

Gli Oasis a colazione. Indie Rock a pranzo. Folk e New Rave a merenda. I Film di Jason Reitman sull'Lcd (Soundsystem) la sera. Questo è quello che al momento mi ispira.
View all posts by Alessandro Paldo →

2 thoughts on “Meat Puppets: Lollipop

  1. I Meat Puppets erano uno dei simboli di una scena, la loro musica era perfettamente contestualizzata nello spazio e nel tempo. Oramai non hanno più senso, si accenna solo un sorriso alla loro voglia di suonare, ma niente di più.

  2. D’accordissimo con te Stefano, infatti nella recensione ho cercato di essere chiaro nel messaggio.
    I Meat Puppets continuano a suonare per il mezzo milione di copie vendute di Too high to die, perchè negli ultimi dischi si sente proprio che non hanno più niente da dire. Svuotati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.