Go!Zilla: Grabbing a Crocodile

Condivi sui social network:

Go!Zilla

Grabbing a Crocodile

(Black Candy)

garage punk, rock

______________

[youtube id=”vVJZefeORqc” width=”620″ height=”360″]

Go!Zilla- Grabbing a CrocodileCapita spesso di dire “meglio pochi, ma buoni”, questo è senza dubbio il caso dei Go!Zilla, band garage punk che con soli due elementi è riuscita a farsi conoscere nel panorama musicale europeo, grazie al loro sound carico e ricco di citazioni.

Il progetto nasce a Firenze nel Gennaio 2012, per mano del chitarrista e cantante Luca Dandi, e di Fabio Ricciolo, batterista e seconda voce; il gruppo ha più di cento live alle spalle ed ha recentemente pubblicato il suo album d’esordio: Grabbing a Crocodile.

Nell’album troviamo canzoni da pogo selvaggio come I’m Bleeding, I Want Her e Roswell, Nm, ma anche ritmi più tranquilli come l’ultima traccia Get Me out of Here.

La chitarra è quasi sempre ultra-distorta e la batteria fa tremare i muri, ma ci sono altre chicche. See Me Hear Me ci delizia con percussioni africaneggianti, che non suonano niente male anche se inizialmente possono stupire nel contesto. In Magic Weird Jack è evidente l’amore dei Go!Zilla per il passare in modo repentino da momenti di adrenalina pura, ad atmosfere più intime e calde.

Se per caso ci fosse qualcuno ancora scettico per il numero ridotto di componenti della band, non si preoccupi: le canzoni sono tutt’altro che scarne, infatti non mancano inserimenti di parti di basso e organo per aggiungere varietà al tutto.

In linea di massima Grabbing a Crocodile non è da consigliare a chi ha orecchie delicate, ma piuttosto agli amanti del punk più genuino, ma allo stesso tempo contaminato dal blues e dal rock. Insomma i Go!Zilla hanno fatto un buon lavoro con quest’album, e per godercelo meglio conviene immaginarci di essere sotto il palco di un locale underground mentre lo ascoltiamo, anzi conviene andarci davvero!

Gli ultimi articoli di Daniele Ligios

Condivi sui social network:
, ,