Colonnelli: Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

I grossetani Colonnelli con Verrà la morte e avrà i tuoi occhi dimostrano che il metal è un elemento inossidabile, il diktat elettrico senza data di scadenza

Colonnelli

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

(Resisto)

metal

_______________

 

Gli innamorati “accalorati” delle intense emozionali scariche di watt, non potranno certamente sottrarsi o fare finta di nulla dalle unghiate fameliche che i toscani Colonnelli lasciano sia  sulla pelle dell’ascoltatore che sulla memoria trashy 80/90 per via di questo tosto Verrà la morte e avrà i tuoi occhi,  dieci squarci tenebrosi che inondano di metal, speed rock e bailamme cantato in italiano ogni centimetro cubo d’aria vitale.

Il trio è in preda di un esaltante metal di natura devastante ma di una bellezza distorta invidiabile, impulsi elettrici e melodie iper compresse fanno marchio e indulgenza per  un lavoro di livello, un disco che non necessariamente mostra i muscoli espressivi del metallo per incutere qualcosa, ma che questa espressività la modula e trasforma in “positività e urgenza” intelligente;  doppie pedaliere, riff epilettici, pelli violentate, urla da “assault” e poetica abrasiva Scenderemo nel gorgo fanno identità per una band che solo dalla scelta di cantare in lingua un genere trasversale, crossover,  si dimostra geniale e destinata a lasciare scie, impronte e sangue rappreso in giro.

Tutto spacca, per dircelo fuori dai denti, tutto è groove dalla potenza drammaturgicamente core, gli ipnotismi doommy Il boccone amaro, le svenature chitarristiche Combustione interna, la teatralità subdola Vi cacceremo senza pietà e un pizzico di Estrema in La marcia dei colonnelli vi aspettano per fortificarvi il circuito nervoso, e se è vero che il brivido estremo sia fonte di ispirazione, questo dico ne è la prova.

Gli ultimi articoli di Max Sannella

Condivi sui social network:
Default image
Max Sannella
Articles: 218