Welcome Back Sailors: Tourismo

I Welcome Back Sailors con Tourism ci traghettano in un mare di emozioni clubbing , una rarefatta virtù sonora che funge da visione

Welcome Back Sailors

Tourismo

(La Barberia)

chill out

_______________

[youtube id=”Vp9PggH1EGY” width=”620″ height=”360″]

Welcome Back Sailors-recensione TourismoDai dintorni di una Reggio Emilia annebbiata la maestria di una piccola rivoluzione sintetica, capace di mischiare in maniera “multistrato” risorse digitali, fluidi ambientali acid-soul e partiture poppyes di pregio, quel filo pendulo tra immaginazione e “volo” che torna a stupirci come un’alba destinata a rimanere unica.

Il duo dei Welcome Back Sailors è di nuovo in giro con Tourismo, un undici tracce che sviluppa un ascolto “errabondo”, libero da pastoie e attaccato fortemente a emotività, space field e ghiaccioli glitch, in poche parole sballottante in suo mondo “imbottito” di sonorità chilly che spingono l’orecchio in una dimensione dilatata, scorrevole, suggestiva dentro un contesto clubbing che piace a presa rapida.

Tourismo è un luogo senza tempo, dove lo spazio sonoro viene definito dal suono, una precisa disciplina mid ambient, un’alchimia, releases preziose che s’intrecciano giocose quasi per non toccare o fare contatto con la realtà d’intorno; molto degli 80s si sentono gironzolare, ma poi trombe, campionature, sax, i fiati svedesi raggelati di certi The Radio Dept., riportano tutto alla contemporaneità, al fascino rarefatto di un registrato che sa farsi intendere alla grande.

Lo stomp amniotico Best friend, le alte quote immaginifiche Shining blue, profumi Motown Something great, Act like you are crazy o il cosmique che cola in Jason Dill, testimoniano l’inafferabilità e l’impalpabilità di una tracklist colma di sfumature che sanno rinnovarsi e ricrearsi, ascolto dopo ascolto.

Fateci più d’un giro dentro, ne vale la pena!

Gli ultimi articoli di Max Sannella

Condivi sui social network:
Default image
Max Sannella
Articles: 218
Available for Amazon Prime