Crystal Viper: Defenders Of The Magic Circle

Un live che del live ha molto poco, questa è la terza release dei Crystal Viper. Senza troppi fronzoli ma con una parte vocale da pelle d'oca

Crystal Viper

Defenders Of The Magic Circle: Live In Germany

(CD, AFM Records)

power metal, heavy metal

________________

recensione-crystal-viper-defenders-of-the-magic-circleBand nata in Polonia nel 2003, i Crystal Viper scelgono di offrirci, come loro terza release, un album live, registrato in Germania durante il Magic Circle Festival ed intitolato, appunto, Defenders Of The Magic Circle.

Parlare di un disco registrato dal vivo non è mai particolarmente semplice, almeno per me. In questo caso, però, il compito viene facilitato dal fatto che questo lavoro sembra tutto tranne che un live. Se non fosse per poche urla all’inizio di qualcuno dei brani e per l’impegno della frontgirl Marta Gabriel nel cercare di scambiare qualche parola con il pubblico.

Un live per chi non ama i live, quindi. Se sia un male o no, dipende dalle orecchie di chi ascolta. Personalmente mi piace sentire il calore della folla sotto il palco, tanto sarebbe valso far uscire un “best of” studio mastered.

Comunque, nonostante questo, la band si muove bene e sa il fatto suo pur non brillando per la sfavillante fantasia. Il sound richiama quel power che tanto li fa somigliare ai più noti Hammerfall, Helloween e Sonata Arctica. Ed anche la settima traccia, Secret Of The Black Water, anteprima del terzo, inedito, lavoro di questi ragazzi, ci fa presagire che non ci saranno, purtroppo, grossi giri di boa. Se non per un sound un po’ più cupo e dai ritmi meno concitati.

Un lavoro buono, in ogni caso. Un lavoro che, anche se non avesse alcun valore, verrebbe immediatamente portato all’onore degli altari dalla vera forza del gruppo: la voce potente ed eclettica della, già citata, Marta. Credo che, con le sue potenzialità, potrebbe far diventare meravigliosa anche una noiosa  ninna-nanna per bambini.

Senza farli addormentare, però.

Gli ultimi articoli di Ileana

Condivi sui social network: