Fulvio Buccafusco: A Short Story

Fulvio Buccafusco in A Short Story armonicizza una impeccabile session in otto atti che innegabilmente va a fatturare una eleganza completa di jazz contemporaneo da certificare ulteriormente se mai ce ne fosse bisogno

Fulvio Buccafusco

A Short Story

(Fizzcarraldo Records)

jazz

_______________

fulvio-buccafuscoSi è soliti parlare di interplay con molta semplicità, ma se questo termine ha ragion d’essere è anche proprio a questo bel e nuovo disco del contrabbassista siciliano Fulvio Buccafusco, A Short Story, una incisione che intraprende una cifra stilistica domatrice di emozionalità. Con l’artista palermitano – in questa navigazione a vista – il sax tenore di Stan Sulzmann, il piano di Nikki Iles e le pelli di Ettore Fioravanti, ed è jazz meravigliato, una session che è un refolo di vento primaverile, libero, incontrastato e bizzarro, dentro e fuori schemi geniali come solo uno sghiribizzo di vento sa fare.

Tutto è cromaticamente perfetto, non c’è coincidenza o premeditazione, ogni cosa ha un ruolo che compenetra l’altro in un “dentro la musica” che sviluppa ora atmosfere nebbiose ora solari e ancora appannate, insomma una presa diretta di sound speziato che nel giro delle otto tracce vitali emette vibes di meccaniche contemporanee europee pregevoli, sfumate nei delicati dinamismi improvvisativi. Detto questo va anche detto una fattura impeccabile di eleganza clubbing, “nicotinicamente armonica”, dove una indiscutibile padronanza delle intese d’insieme, della tecnica slegata e delle timbriche sostanziali si amano senza pressarsi, si toccano, si sfiorano in una copula goduriosa

Registrato in un sol boccone, nella massima libertà espressiva, l’album è un succoso groove d’ascolto dove ( tra le tante) il romanticismo solitario di tasti di piano Blue Butterfly, il chiacchiericcio soffuso di sax, spazzole col bofonchio di basso The love of a fat man, basso che poi si confida in uno spettacolare assolo mantrico in Where sholud I go? o il passo smilzo latineggiante di House of spice, segnalano uno stato di autenticità e stimolante happy feeling. Assolutamente da consigliare!

Gli ultimi articoli di Max Sannella

Condivi sui social network:
Max Sannella
Max Sannella
Articoli: 218