Fratelli Calafuria: Prove Complesse

È uscito Prove Complesse, il nuovo album dei Fratelli Calafuria: una corsa sfrenata tra rock e punk made in Italy

Fratelli Calafuria

Prove Complesse

(Woodworm)

grunge-rock

______________

Fratelli Calafuria- Prove ComplesseI Fratelli Calafuria tornano con un nuovo album intitolato Prove Complesse che, proprio nella title-track, trova il suo apice in una imprevedibilità prevista.

Per il resto la batteria martella frenetica e la chitarra elettrica tesse una ragnatela punkeggiante sulla quale è fin troppo facile immaginare corpi che pogano nel fumo di qualche capannone industriale dismesso e resuscitato a birreria.

E quanto è complicato liberarsi dalle sigarette lo sanno bene i Fratelli Calafuria. Bionda Cenere parla proprio di questo, in una elegia con passaggi da vivisezione linguistica, “ti vedo dappertutto, mi manchi soprattutto dopo l’infuso espresso”. ‘Na tazzuriella ‘e cafè insomma.

Considerato che il loro primo album si intitolava Senza Titolo – Del fregarsene di tutto e non fregarsene di niente, non sorprende l’anticonformismo sfacciato e banale di alcune frasi di Più via come “L’acqua è blu, il cielo è azzurro, il sole è pieno di luce gialla, il buio è grigio, la luna è bianca”. Non abbiam bisogno di parole. Ne hanno già usate talmente tante. Tutti.

La reprise della dimenticabile Minigolf scende in una volgarità difficilmente comprensibile, e forse è per quello che in copertina c’è un cervello sezionato come quello di Michael Jackson dopo la morte: da quale gene nasce il genio? “Il minigolf è una bomba, praticamente è pieno di palline e anche di mazze, roba che le ragazze diventano pazze”.

Anche Sbronzone è sulla medesima falsa riga e ancheggia in un plastico non-sense dislessico che, tra Lennon e i Fool’s Garden, è un calderone che contiene di tutto un po’.

È musica tirata, col piedino sempre pigiato sull’acceleratore. Ascoltare i Fratelli Calafuria è come correre sulla Ferrari con la bionda di Outrun, qualcuno se la ricorda ancora? Ma sì, mettiamola così: fruibilità buona, giocabilità alta, longevità limitata. Il classico arcade.

Gli ultimi articoli di AGab

Condivi sui social network: