Bellini: The Precious Prize Of Gravity

The Precious Prize Of Gravity è il nuovo lavoro del side-project degli Uzeda, una specie di sfogo internazionale alle tentazioni noise di Giovanna e Agostino

Bellini

The Precious Prize Of Gravity

(Cd, Temporary Residence)

post-punk, noise

________________

TRR144_CD_PROMO_WalletThe Precious Prize Of Gravity è il terzo album di questo quartetto italo-americano composto da Agostino Tilotta, Giovanna Cacciola (entrambi già nei bravissimi e italiani Uzeda), Matthew Taylor  e Alexis Fleisig.

Protagonisti assoluti di questo lavoro sono la voce di Giovanna, un misto tra Pj Harvey, Patti Smith sotto acido e Karen O degli Yeah Yeah Yeahs, e la chitarra tagliente e sporca di Agostino, che sembra uscita da The Swindler dei nostri Super Elastic Bubble Plastic (sentire Wake Up Under A Track per credere). I quattro sanno destreggiarsi bene nei frequenti cambi di tempo, e l’album scorre fluido, compatto ed omogeneo. Spuntano elementi noise con richiami evidenti ai Sonic Youth (The Thin Line), dissonanze e serpentine sonore (la strumentale The Man Who Lost His Wings) e tracce di psichedelia qua e la (Susie), tutto amalgamato ad un’attitudine punk. Giovanna poi si trova decisamente a suo agio a cantare in questo tipo di contesto.
Produce il tutto il fido ed esperto Steve  Albini, famoso musicita (ora negli Shellac) e produttore di una quantità innumerevole di gruppi (Nirvana, Pixies, Slint, ecc…).

Comunque sia intendiamoci, niente di originale all’orizzonte. E purtroppo nessuna traccia riesce a spiccare veramente, non ci sono canzoni di punta, che fanno presa. Si rimane sempre nella media, senza però mai cadere nel banale, e questo è decisamente un bene.

I Bellini sanno certamente suonare, non sono degli sprovveduti, si percepisce l’esperienza che li circonda. Sono convinto che quest’album troverà più riscontri positivi in una dimensione live.

Gli ultimi articoli di Davide Ciriello

Condivi sui social network:
Default image
Davide Ciriello
Articles: 4