Muschio: recensione di Acufene³

Consolidando la propria sinergia chimica, il trio post-hardcore verbanese Muschio torna a ronzare e ad amplificarsi al cubo sulla contemporaneità mandando alle stampe il nuovo album intitolato Acufene³.

Muschio

Acufene³

(I Dischi del Minollo, Tutto il Nostro Sangue, Taxi Driver Records, Muratore Noise)

post-hardcore, noise, post-rock, post-metal, techno

_______________

A distanza di sei anni dal precedente LP Zeda e con alle spalle un’intensa attività live al fianco di band come Appaloosa, Ottone Pesante, Bologna Violenta e Uochi Toki, il trio strumentale post-hardcore Muschio manda alle stampe il suo terzo album intitolato Acufene³, edito per una cordata di etichette indipendenti quali I Dischi del Minollo, Tutto il Nostro Sangue, Taxi Driver Records e Muratore Noise.

Il progetto verbaniese Muschio – fondato nel lontano 2012 da Fabio Poggiana alla chitarra, Rino Sorrentino alla batteria, percussioni, voce e Alberto Corsi alla chitarra e rumori – riparte dal ronzio acufenico del presente per andare alla riscoperta di quelle radici hardcore e alternative metal di fine anni ’80 e primi anni ’90 che hanno reso celebre la scena underground piemontese, sia in ambito nazionale che oltreconfine.

All’interno di questa nuova pietra autorale – rigorosamente strumentale, eccezion fatta per la canzone FFF – il tridente Muschio scolpisce e scandisce otto tracce dense, lisergiche e travagliate, tra cui il brano Dave Cocks, in memoria di Dave Cocks alias Davide Galli, musicista dei Throw Down Bones, deceduto tre anni fa in un incidente stradale.

https://youtu.be/ACaz–EB-js

 

Un Moloch sonico e policromo di proporzioni cosmiche, un trip visionario mediante il quale i Muschio, conservando il proprio trademark identitario, tornano a ronzare e ad amplificarsi al cubo sulla contemporaneità, consolidando la propria sinergia chimica e quel bisogno epidermico di affacciarsi dal proprio eremo lagunare per osservare le distorsioni sociali dell’attualità, e al contempo evadere da essa.

Acufene³ si manifesta attraverso un vortice di loop persistenti, ritmiche percussive synth-techno e una macelleria messicana di sonorità ossessive, dissonanti, magnetiche, disturbanti, oblique e angolari: un saliscendi emozionale carico di perturbazioni atmosferiche dalla consistenza oscura, greve, narcotica, allucinata e nebulosa, che collidono con l’incanto paesaggistico che caratterizza le scenografie naturali di una località come Verbania.

Composizioni che, da un lato, rimandano alle deformazioni cianotiche del noise-hardcore, e dall’altro aderiscono a certo percussionismo esoterico e tribale, per poi dilatarsi verso le deflagrazioni corrosive e drammatiche del post-metal e le suggestioni geometriche del post-rock, insieme a fruscii, sibili e contaminazioni foniche dagli afosi e sgargianti riflessi mediorientali.

Passando per le linee dell’alta tensione di tralicci elettrificati e i substrati fangosi dello sludge, i Muschio affrontano il rumore acuto e cronico che investe una contemporaneità in perenne oscillazione tra grandezza e caos, tra civiltà e barbarie, dove il senso della collettività, ormai destinato alla deriva egemonica della cultura individualista, sta assumendo sempre più le sembianze ideologiche di un califfato islamico.

facebook/muschioband

mu

Gli ultimi articoli di Andrea Musumeci

Condivi sui social network:
Immagine predefinita
Andrea Musumeci
Articoli: 172