RockShock

Sonic Youth: The Eternal

Luca Paisiello 9 giugno 2009 Recensioni Cd

Sonic Youth

The Eternal

(Cd, Matador Records)

indie rock

_______________

sonic youth the eternalSalutata la Geffen con una raccolta di inediti e b-side, The Destroyed Room,  decisamente migliore del precedente Rather Ripped, ecco tornati i Sonic Youth liberati dagli impegni con la major. Dopo la dipartita di Jim O’Rourke dal gruppo si è unito il vecchio bassista dei Pavement, Mark Ibold, che dopo aver collaborato ai due album precedenti è entrato ormai in pianta stabile nella band.

Moore, Gordon e Ranaldo si dividono la voce nei 12 brani del disco. E’ un ritorno al frenetico disturbo sonico, con chitarre dissonanti e urla deformi, ritmi convulsi anche se risultano ancora ammorbiditi visto che non si possono rinnegare i blandi dischi recenti. Kim Gordon saluta il pubblico con una adirata Sacred Trickster seguita da una fulminante e corale Anti Orgasm da 6 minuti con cambi di tempo, corde sverginate, e mulinelli di basso.

Il beat Leaky Lifeboat è ispirato al poeta Gregory Corso, che insieme ad Antenna e What We Know rallenta l’euforia iniziale plasmandola in una più fluida ma sempre ben animata. Si torna suonare in maniera devastante con Calming The Snake e Poison Arrow che scuotono come ci si aspetta i padiglioni auricolari senza essere esageratamente “troppo noise”.

Due chili e mezzo di delay a dominare l’atmosfera di Malibu Gas Station. Thunderclap e No Way fanno parte di un’altra performance energica e corale mantenendo gli equilibri grazie alle seicorde di Moore e Ranaldo, sempre armoniose. Limpidi riff introducono Walkin’ Blues e colorano allegramente questa canzone insieme a coretti disinvolti.

A concludere una lunghissima Massage The History, un brano d’atmosfera in cui le pennate acustiche vengono sovrastate da assoli lunghi e armonici per circa quattro minuti e mezzo, si va in un crescendo di storture soniche fino a metà brano per poi ridiscendere placidamente ai sussurri di Kim Gordon, che ci aiuta a chiudere gli occhi al termine di questo gradito ritorno.

Disco di ripresa, che riconduce all’ovile un gruppo che ormai ha già sperimentato di tutto nel suo genere, e che dimostra di saper saltare ancora energicamente sui muri sonori, esplodendo con gli stessi riff ossessivi di quando erano dei ragazzini sconosciuti.

Gli ultimi articoli di Luca Paisiello

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Sonic Youth: The Eternal, 8.5 out of 10 based on 4 ratings

Leave A Response