RockShock

Prologue Of A New Generation: Mindtrip

Luca Paisiello 11 agosto 2017 Recensioni Cd
prologue-of-a-new-generation-mindtrip

Prologue Of A New Generation

Mindtrip

(Antigony Records)

djent, progressive

________________

 

prologue-of-a-new-generation-mindtripVengono da Trento i 5 fanciulli che urlano all’interno di questo album rabbioso e che corrispondono al nome di Prologue Of A New Generation, band nata da qualche anno di matrice heavy metal che con Mindtrip ci porta in un viaggio tortuoso fatto di riff selvatici, urla e dissonanze sonore.

Che tipo di album è questo Mindtrip? Metal con incastri progressive e djent. Djent? Ormai il metal ha tantissime derivazioni, in questo caso si parla di una corrente estrema con punte di melodic math rock cantato in growl. E tecnicamente di alto livello, con due chitarre, quelle di Cris Merz e Nico Tommasi che fanno un lavorone tra palm mute, riff e controassoli come cavalli imbizzarriti. La parte ritmica di Dionis Platon al basso e Filippo Tonini alle pelli è da capogiro.

Poi può piacere e non piacere, ma la voce di Mirko Antoniazzi non solo è di una gran potenza nei suoi ruggiti vocali, ma capace di sfumature melodiche di buon livello, soprattutto sui ritornelli.

È chiaro che ci troviamo di fronte ad un disco brutale con fraseggi chitarristici sincopati inoculati da razioni prog-metal che ti piovono addosso come una tegola spazzata via dal tetto da una tromba d’aria travolgente.

Già all’opera tre anni fa con l’Ep Written Buried and Forgotten, e con alle spalle già diversi tour in Europa con diverse band dell’area metal, i Prologue Of A New Generation hanno lavorato ai suoni e alla sperimentazione finendo quindi per debuttare con questo full lenght.

Acquista su Amazon.it


Gli ultimi articoli di Luca Paisiello

Prologue Of A New Generation: Mindtrip il 11 agosto 2017 votato 2.6su 5
Condivi sui social network: